Google Stadia, nuovo abbonamento contro il Game Pass di Xbox

Le percentuali di guadagno tra piattaforma e developer sono sempre argomento delicato ma Google Stadia sta provando a scuotere un po’ il sistema inventandosi una sorta di premio produttività.

Google Stadia premia i developer con più giocatori
Google Stadia premia i developer con più giocatori (foto: youtube)

Durante il Google for Games Summit si è tenuto anche un keynote su Stadia ed è stato annunciato un sistema di ripartizione che farà strada nell’industria. Il nuovo sistema premierà con una percentuale aggiuntiva di guadagno i developer i cui giochi saranno giocati più spesso da chi ha sottoscritto l’abbonamento Stadia Pro.

Si tratta evidentemente di una mossa che, se non cambia nulla per i giocatori, può aiutare i developer ad avere una fonte di guadagno extra e incentivarli anche a farsi pubblicità (e di conseguenza fare pubblicità all’abbonamento Pro) per avere più giocatori. In sistema delle percentuali aggiuntvie è appena un filino macchinoso ma ricorda molto i sistemi di rewqard dei titoli mobile.

Google Stadia: nuove percentuali per i partner

Google Stadia premia i developer con più giocatori
Google Stadia premia i developer con più giocatori (foto: youtube)

La vita di Google Stadia non è mai stata facile e dopo la chiusura dello studio interno di sviluppo sembrava avviarsi alla fine della sua vita. Ma nelle parole di Nate Ahearn, developer marketing lead di Google per Stadia, il servizio gode di ottima salute. E a quanto pare ha almeno un asso nella manica da giocare: la fidelizzazione dei developer.

Innanzitutto a partire da ottobre e fino a dicembre 2023, sono state modificate le percentuali di guadagno tra piattaforma e developer passando a un 85/15, una percentuale decisamente superiore a quella delle altre piattaforme.

Leggi anche –> CoD Warzone, il nuovo direttore ha litigato con Playstation per 1mm

Leggi anche –> Esclusiva Playstation rinvitata, pessima notizia per i fan

La percentuale dell’85% dei guadagni agli sviluppatori durerà fino ai primi 3 milioni di dollari di guadagni per poi tornare all’attuale ripartizione. Google ha poi pensato a ben due modi per incentivare l’abbonamento Pro tra i giocatori passando, di nuovo, attraverso i developer.

La piattaforma terrà traccia dei giocatori Pro e degli accessi di gioco che questi faranno e premierà  i developer con i giochi più performanti con una parte dei ricavati del servizio Pro stesso. Il 70% dei guadagni provenienti dagli abbonamenti verrà infatti ripartito tra i developer “migliori”. Il sistema terrà conto  dei giorni in cui i giocatori faranno login e giocheranno ma calcolerà più ingressi nello stesso giorno come un unico accesso.

Il secondo incentivo è una sortia di programma di affiliate marketing che partirà nel 2022. I developer riceveranno 10 dollari ogni volta che riusciranno a convertire un giocatore normale in un abbonato Pro.

Google Stadia sta quindi cercando di farsi amici i developer per lasciare che siano poi loro a fare pubblicità tra gli utenti. Sarà una mossa vincente?