System Shock 3, brutte notizie: il progetto è stato cancellato

System Shock 3 è stato cancellato, il ritorno di uno degli shooter più gettonati della storia pare non avverrà mai.

Ci sono dei videogiochi che anche non essendo famosissimi e non conquistando un posto in cima alle conversazioni quotidiane dei videogiocatori di tutto il mondo, sono dei pilastri fondamentali per l’intera storia di questo medium. E tra questi non può che figurare un titolo importante come System Shock, uno sparatutto rivoluzionario che ha gettato le basi per lo sviluppo del genere nei decenni successivi, influenzando i giochi con effetti che vediamo ancora oggi.

System Shock 3, brutte notizie: il progetto è stato cancellato

System Shock è uno dei primi FPS in cui i nemici subivano davvero i nostri colpi e venivano smembrati in base alla zona in cui si colpivano. Una meccanica che possiamo ammirare ancora oggi, fortunatamente. Protagonista assoluta del videogioco una IA impazzita, chiamata SHODAN, a sua volta fonte di ispirazioni per tanti giochi simili.

System Shock 3 è stato cancellato

Nel lontano 2016 si era iniziato a parlare di un nuovo videogioco della serie, di un System Shock 3, che avrebbe dovuto portare la saga nell’era next-gen e riportare in auge l’IP. Con una nuova grafica, nuovi controlli e uno sviluppo volto a creare un titolo moderno, su delle basi solidissime, il titolo avrebbe unito veterani e nuovi giocatori nella guerra contro SHODAN.

System Shock 2
System Shock 2

Ma pare che il titolo sia stato cancellato. Il famoso Warren Spector, producer di System Shock e capo dello studio di sviluppo OtherSide Entertainment, ha da poco ufficialmente annunciato di aver abbandonato il progetto. Intervistato da GamesBeat ha rivelato: Non c’è molto altro da dire a questo punto. Tencent porterà avanti il franchise, starà a loro dire quello che vorranno dire, non ci sono molti chiarimenti che posso fare al momento”. Parlando di cosa è successo, ha rivelato che “Ci abbiamo lavorato nel 2018 e 2019, questo è tutto. Poi con il Covid il mondo è impazzito“.