Ubisoft, brutte notizie per chi aspetta grandi annunci

Di solito durante i mesi estivi, quando effettivamente le uscite si fanno più rade, possiamo tutti consolarci immaginando quello che arriverà in autunno e sotto Natale tra le varie presentazioni e gli eventi. Ma se pensate che Ubisoft quest’anno si lascerà scappare qualche cosa sotto l’ombrellone, abbiamo brutte notizie.

In realtà ci sono già diversi eventi e presentazioni programmati per questo mese di giugno. Alcuni, come quello di Microsoft e Bethesda, è già stato annunciato ed è super confermato soprattutto perché ci sono molti titoli proprio di Bethesda che i fan aspettano di poter vedere. C’è poi già stato lo State of Play di Sony PlayStation. In teoria dovremmo poi avere anche un evento Nintendo, anche se mancano conferme ufficiali.

Ubisoft, brutte notizie per chi aspetta grandi annunci
Ubisoft, brutte notizie per chi aspetta grandi annunci (foto: Youtube)

Una conferma ufficiale che però scontenterà molto i fan è invece il fatto che stavolta Ubisoft sembra non avere nessuna intenzione di organizzare gli eventi sul modello dello E3 che abbiamo visto di recente.

Ubisoft salterà gli eventi estivi, mancano i contenuti?

Le motivazioni secondo cui un publisher non organizza un evento estivo per mostrare ai fan quello su cui i suoi team di sviluppo stanno lavorando possono essere molteplici. Con lo E3 che anche quest’anno salta, alcuni grossi nomi hanno deciso di puntare su eventi che potremmo definire fatti in casa. Alcuni sono, come nel caso dello State of Play di Sony PlayStation, semplicemente riedizioni di eventi già organizzati più volte. Quello per esempio però cui tutti guardiamo quest’anno è l’evento congiunto Xbox Bethesda che arriverà il 12. C’è poi ovviamente il Summer Game Fest organizzato da Geoff Keighley.

Ubisoft, brutte notizie per chi aspetta grandi annunci
Ubisoft, brutte notizie per chi aspetta grandi annunci (foto: Youtube)

Ma non ci sarà nessun evento speciale da parte di Ubisoft. Per quello che riguarda il gigante francese che in realtà negli anni passati a giugno ci ha sempre dato un accenno di quello che avremmo potuto vedere poi intorno a Natale, ci sono comunicazioni ufficiali da parte dei rappresentanti della società che hanno ribadito ai colleghi di Axios di voler tenere un evento di presentazione ma solo “più avanti“. Quanto più avanti sarà questa data non c’è stato comunicato anche se è possibile che verrà scelto un momento in autunno per poter poi rialzare lo hype nella stagione caldissima che da ottobre arriva fino a febbraio.

Per il publisher francese non ci sono tra l’altro neanche voci di corridoio riguardo la volontà di partecipare a uno dei diversi Showcase in programma come per esempio quello di IGN, oppure quello di Netflix. Le motivazioni, come dicevamo, possono essere le più diverse ma è probabile che la pandemia abbia costretto i team di sviluppo a mordere il freno e che effettivamente non ci sia nulla di abbastanza avanzato nella tabella di marcia dello sviluppo da poter essere annunciato e presentato in maniera degna. Dopo quello che è successo nel momento in cui Ubisoft ha provato a far accettare ai fan il nuovo Prince of Persia, non ci stupirebbe se il publisher francese stesse prendendo tempo per riassestare il tiro generale dei suoi videogiochi.