Battlefield 2042 è un deserto, un giocatore controlla l’intera Nazione

Battlefield 2042 è in un momento veramente complicato e sono sempre di più i videogiocatori che lo stanno abbandonando. Con risultati grotteschi. 

Non è certamente un bel momento per gli FPS. I due titoli che più rappresentano questo amatissimo genere di videogiochi e che negli ultimi anni hanno raggiunto dei livelli davvero elevatissimi, hanno in modi diversi fallito e anche in modo fragoroso. Da una parte Call of Duty Vanguard, che ha confezionato una campagna tutt’altro che memorabile e non ha portato nulla di veramente innovativo e memorabile nell’ennesimo capitolo della saga dei CoD.

Battlefield 2042
Battlefield 2042 è un deserto, un giocatore controlla l’intera Nazione

Dall’altra parte c’è Battlefield 2042, che dopo diversi anni di assenza totale dal mercato avrebbe dovuto rilanciare completamente il brand è riparare agli errori del passato, fallendo miseramente e spingendo gli utenti a tornare sui vecchi capitoli della saga, con un gioco appena sufficiente, come detto in fase di videorecensione. Ebbene la situazione tragica in cui versa lo sparatutto di DICE ha raggiunto un nuovo livello di stranezza, con un intero Paese che viene controllato da un singolo videogiocatore.

Leggi anche -> Scalebound non è (ancora) morto, sviluppatore lancia appello ad Xbox

Battlefield 2042, server vuoti: un giocatore detta legge

Come vi abbiamo più volte riportato i server di Battlefield 2042 sono sempre più vuoti, al punto che EA è stata costretta ad abbassare e anche di molto le previsione dei guadagni. E mentre tanti utenti tornano a giocare al capitolo V o al capitolo I della serie, se non addirittura cambiare completamente genere, c’è qualcuno che continua a resistere sul gioco.

Battlefield 2042 Hazard Zone

E in Sudafrica, un Paese che conta circa 60 milioni di persone, ci sono così pochi giocatori che si sta vivendo una situazione paradossale. Sembra infatti che chi dia inizio alle partite, connettendosi prima degli altri, sia anche l’host del server e possa controllare il gioco.  Ebbene da oltre una settimana un utente che riesce a connettersi sempre prima di tutti sta dettando legge su Battlefield 2042, bannando chi vuole e di fatto controllando completamente chi può e non può giocare online nel suo Paese.

Leggi anche -> Evil Dead, il videogioco si mostra in tutta la sua violenza – VIDEO

Probabilmente EA e DICE stanno già lavorando per fare accertamenti e risolvere il problema, ma è una di quelle situazioni che inquadrano perfettamente lo stato in cui versa Battlefield 2042.

Battlefield host in Sudafrica
Battlefield host in Sudafrica