Bonus baby sitting, tutto quello che c’è da sapere

Sono iniziate ufficialmente le domande online per ricevere il bonus baby sitting per poter permettere ai genitori di affrontare meglio i disagi legati alla didattica a distanza in caso di figli minori di 14 anni. Ecco tutto quello che c’è da sapere per fare la domanda e cosa si può fare con il bonus.

Bonus baby sitting, tutto quello che c'è da sapere
Bonus baby sitting, tutto quello che c’è da sapere (foto: pixabay)

Arriverà sul libretto di famiglia il nuovo bonus baby sitting messo in campo dal Governo per permettere ai genitori con figli minori di 14 anni di poter gestire meglio la didattica a distanza senza dover necessariamente prendersi giorni di ferie per rimanere a casa con i figli o smettere completamente di lavorare. Il bonus baby sitting è stato pensato come sostegno nel caso di spese per baby sitter, centro estivo o altri servizi similari.

Leggi anche –> Sea of Thieves conferma l’arrivo della Season 2 – VIDEO

Bonus baby-sitting: chi può fare richiesta e come si ottiene?

Bonus baby sitting, tutto quello che c'è da sapere
Bonus baby sitting, tutto quello che c’è da sapere (foto: pixabay)

Cominciamo con il chiarire i requisiti per poter richiedere questo bonus. Il bonus baby sitting può essere richiesto da un solo genitore per nucleo familiare e non può essere erogato a chi ha già il congedo parentale. Non è poi compatibile se c’è almeno un genitore che sta lavorando in smart working, se il genitore è stato sospeso dal lavoro o se al momento non sta lavorando.
Come per il bonus erogato nel corso dello scorso anno, sono poi esclusi tutti i lavoratori dipendenti.

Il bonus è infatti pensato per gli operatori sanitari, sia pubblici sia privati, il personale della difesa, del soccorso pubblico e della sicurezza coinvolti nel contenimento della pandemia, tutti i lavoratori autonomi senza cassa previdenziale specifica e quelli inscritti all’Inps. Il bonus, poi, non può essere usato per pagare la retta dell’asilo o di un eventuale centro estivo se si sta usando il bonus destinato proprio a queste spese.

Leggi anche –> PlaySys a Videogiochi.com: “Distruggiamo gli stereotipi, lanceremo DREAMERS in autunno”

Per fare richiesta di questo bonus, come con tutti i bonus erogati dallo Stato, occorre essere in possesso dello SPID, o della Carta di Identità Elettronica o della Carta Nazionale dei Servizi. Le richieste devono passare per il sito dell’Inps e la procedura rimane aperta fino al 30 aprile e i soldi del bonus, che possono arrivare a 100 euro a settimana, può essere utilizzato fino al 30 giugno prossimo.

LINK UTILI

Bonus baby sitting, tutto quello che c'è da sapere
Bonus baby sitting, tutto quello che c’è da sapere (foto: youtube)