Chi gioca ai videogiochi fa meno sesso dei suoi genitori? Lo studio

I giovani d’oggi farebbero meno sesso rispetto ai genitori, ma è davvero colpa dei videogiochi? Un recente studio.

sesso videogiochi
Bacio fra Geralt e Triss (fonte: YouTube).

Uno dei luoghi comuni che accompagnano gli appassionati di videogiochi da sempre, ha, al centro, la questione del sesso; si pensa infatti che chi abbia il tempo di intrattenersi coi titoli videoludici sia poco attivo sessualmente, venendo così etichettato come “sfigato”.

Ovviamente, questo luogo comune non rispecchia il vero, ma un recente studio della Rutgers University-New Brunswick, nel New Jersey (USA), ha evidenziato come i ragazzi di oggi, sia di sesso femminile che maschile, facciano molto meno sesso dei loro genitori alla loro età. Ma quanto davvero è colpa dei videogiochi?

I giovani d’oggi fanno meno sesso rispetto ai giovani di “ieri”: è colpa dei videogiochi?

sesso videogiochi
I giovani d’oggi fanno meno sesso dei loro genitori? (fonte: YouTube).

Lo studio evidenzia come i ragazzi d’età compresa fra i 18 e i 23 anni stiano facendo sempre meno sesso, già da prima che iniziasse la pandemia scatenata dal COVID-19. Il motivo principale sarebbe la diminuzione delle occasioni di socialità, con le feste (specie a base di alcol) spesso autrici di incontri che portano poi al sesso.

Al contrario, è aumentato il tempo speso a giocare ai videogiochi, che inciderebbe in negativo su circa il 25% degli uomini, mentre l’uso di internet o della TV sull’11% delle donne. Questa “astinenza” potrebbe portare a diversi malesseri psicosociali negli adulti di domani, nonostante tra gli effetti positivi ci siano il minor numero di contagi da malattie sessualmente trasmissibili e gravidanze indesiderate.

Leggi anche –> Bridgerton 2, perché non ci sarà il Duca di Hastings

Tirando le somme, la grande differenza fra i giovani d’oggi e quelli di “ieri” sarebbe nella minor possibilità di passare del tempo con altre persone, ma questo risulta essere un problema più sociale che legato all’utilizzo dei videogame, che spesso anzi creano interazioni e centri d’aggregamento (come visto coi recenti Bar degli sport elettronici); al di là di come si passa il tempo libero, bisognerebbe rimettere al centro della società l’importanza dei legami umani…a prescindere di quanto si giochi ai videogame.

LINK UTILI

La console Sony (fonte: YouTube).