COD Black Ops Cold War, il ritorno del Dolore su Zombies

COD
COD Black Ops Cold War Zombies (screenshot YouTube)

Stando a qualche indiscrezione, a quanto pare COD Zombies prevede qualche novità. Su Black Ops Cold War potrebbe ritornare il Dolore

Secondo fonti particolarmente affidabili su Call of Duty e Activision Zombies, ci si aspetta qualche cosa di nuovo. Sono molte le possibilità che prevedono delle varianti della serie Treyarch, la modalità Dolore potrebbe divenire realtà su Black Ops Cold War Zombies.

Per chi cadesse dalle nuvole, facciamo un passo a ritroso. Partiamo da Call of Duty: Black Ops 2. Su questo titolo infatti, Treyarch, ha precedentemente sperimentato delle varianti per quanto riguarda la modalità Zombies.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Fortnite, solo eventi online per il 2021

COD, la modalità Dolore potrebbe tornare

COD
COD Black Ops Cold War Zombies (screenshot YouTube)

Una delle modalità più amate dalla community di appassionati inserita nel gioco è Dolore (Grief in lingua originale). In questa variante, due squadre composte da 4 giocatori, cercano di sconfiggere la squadra avversaria sopravvivendo ad orde di zombie. Ovviamente l’obiettivo è quello di rimanere in vita più a lungo possibile.

Questa modalità è stata un successo, tant’è che i fan ne hanno richiesto la presenza anche in Black Ops 3 e Black Ops 4. Speranza che però non è mai stata accontentata. A quanto pare finalmente, Treyarch ha deciso di accontentare tutti i giocatori più accaniti inserendo il ritorno della modalità Dolore. In Call of Duty: Black Ops Cold War sono presenti diversi indizi che potrebbero far riferimento a questo ritorno tanto atteso. Già dal contesto narrativo lo si evince.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> FIFA 21 accusato di facilitare chi acquista in-game, denuncia contro EA

Mentre su Black Ops 2 a sfidarsi erano agenti della CIA e del CDC, su Cold War Zombies ci sono schierati due importanti gruppi per sconfiggere l’etere oscuro. Omega, che ha dato il via alla minaccia in Die Machine e Requiem, a cui appartengano anche Samantha Maxis e Weaver. Inoltre ricompariranno anche le partite personalizzate. Al momento non si sa nulla di certo su date e tempistiche, ma ci sono non pochi indizi riguardo ad un probabile ritorno in grande stile.