Novità da COD Warzone e Cold War: altri ban ed il cecchino ZRG 20mm

Da COD Warzone e Cold War arrivano notizie interessanti. Oltre all’arrivo del nuovo cecchino ZRG 20mm vengono bannati altri cheater 

COD Warzone e Cold War
COD Warzone e Cold War, nuovo cecchino ZRG 20mm ed altri ban (fonte press.activision.com)

Tra l’arsenale che si è visto all’interno della Stagione 2 di COD Warzone il cecchino ZRG 20mm ha fatto la sua apparizione. Attualmente è disponibile in Call of Duty Warzone e Black Ops Cold War. Si tratta di un fucile di precisione che sul Battle Royale affianca i già presenti M82, Pelington 703 e LW3 Tundra.

Recentemente Call of Duty Warzone ha ricevuto un aggiornamento con il quale sono state accolte due modifiche importanti, inerenti il bilanciamento delle armi. Sono stati depotenziati il FFAR 1 e l’AUG che hanno creato un po’ di problemi all’interno della mappa di Verdansk. Inoltre l’ambientazione, al termine della Stagione 2 del Battle Royale, dovrebbe sparire lasciando spazio ad una nuova mappa molto più in linea con lo stile di Cold War.

Leggi anche -> Premi gratis con l’iniziativa “riavvia un amico” di Fortnite – VIDEO

Nuovi ban ed il cecchino ZRG 20mm su COD Warzone e Cold War

COD Warzone e Cold War
COD Warzone e Cold War, nuovo cecchino ZRG 20mm ed altri ban (fonte press.activision.com)

Ma non solo aggiornamenti, l’ultima ondata di ban è stata eseguita il 23 marzo nella quale si son visti coinvolgere 13 mila cheater. I giocatori però esprimono ancora il desiderio dell’introduzione di un vero e proprio sistema anti-cheat. Tuttavia sembra che il team non voglia cambiare rotta e continui a proseguire sulla strada tracciata grazie alle segnalazioni degli utenti stessi del titolo. Per tale motivo il team della software house dedica tempo e risorse 7 giorni su 7 24h su 24.

Leggi anche -> Le prossime vacanze? Nello spazio, sulla stazione spaziale Voyager Class

Lo scopo è quello di combattere non solo i cheater ma anche aimbot, wallhack, trainer, hack stat, hack texture, hack delle classifiche, editor e tutti gli altri software provenienti da terze parti utilizzati per la manipolazione dei dati di gioco o della memoria. Raven Software si impegna per la tutela sia di Warzone che di Black Ops Cold War con molta premura. Intanto arriva conferma da parte di Raven Software di un ufficiale operazione di ban nei confronti di 15 mila account che hanno usufruito di cheat in Call of Duty Warzone. In calce all’articolo il post Twitter del ban da parte di Raven Software.

LINK UTILI

Ps5 con lettore
PS5 con lettore (screenshot YouTube)