COD Warzone record, tutto grazie al DMR 14 prima del nerf – VIDEO

Su COD Warzone spunta un nuovo record, grazie al fucile tattico che ultimamente ha fatto scalpore. La squadra ha fatto 143 kills con il DMR 14 pre-nerf

Un numero da capogiro registrato durante uno scontro su COD Warzone. La squadra, composta da quattro giocatori, ha fatto veramente venire i brividi. I componenti si chiamano TheMylesLive, JerK, ScummN e Stukawaki.

È l’11 gennaio quando la squadra tocca la vetta delle 143 kills in un unico match. Sì, esattamente 143 uccisioni. Il precedente record è stato di 138 kills per mano della squadra di Vikkstar, Abezy, Cellium e Priestahh.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Xbox e PlayStation alla ricerca di nuovi sviluppatori?

COD Warzone ed il record dalle 143 kills in un unico scontro

 

Il video mostra nello specifico l’opera che hanno messo in atto i quattro ragazzi. Come si vede, il risultato è stato raggiungibile grazie ad un connubio perfetto tra tattica ed organizzazione. Le armi predilette? Niente di meno che il MAC-10 ed il DMR 14, ovviamente prima che siano state nerfate.

Appena in tempo quindi, visto che il 13 novembre è stata aggiunta la patch fatidica che ha permesso di ridurre di un pò le due armi e riportarle alla portata delle altre. Infatti, le loro recenti potenze, hanno reso il MAC-10 ed il DMR 14 improponibili da utilizzare. Addirittura, chi ne ha fatto uso, è diventato quasi indistruttibile proprio grazie alla potenza di fuoco e l’alta facilità che hanno richiesto.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Final Fantasy VII Remake non sarà più un’esclusiva PlayStation?

Uno dei membri della squadra, per esempio, ha raggiunto da solo le 48 eliminazioni. Si tratta di Stukawaki, mentre ScummN ha totalizzato 43 kills. Segue, con 27 uccisioni, TheMylesLive e conclude Jerk con 25 eliminazioni. Insomma, una squadra del massacro a 360° e molto efficiente. Sta di fatto che, oramai, superare questo record diventa quasi impossibile. Il motivo? Semplice, il DMR 14 od il MAC-10 sono stati nerfati. Non resta che vedere quello che può venir fuori prossimamente.