Commodore 64, un’attesa durata 30 anni

L’attesa è finita a quanto pare per il Commodore 64. Torna sul mercato con una nuova idea pronta per gli appassionati targata Panther 

Dopo 30 anni dallo sviluppo arriva presto per lo storico home computer Commodore 64, il più celebre degli anni ’80, un nuovo videogioco. Stiamo parlando di Outrage, titolo sviluppato da Panther.

Il videogioco in questione è nato all’inizio degli anni ’90. Presentato al modo videoludico come una copia di Hawkeye, titolo sviluppato da Thalamus Ltd, brand britannico che ne ha plasmato il successo. La versione alpha, 1992, permette di ottenere un publisher a contratto l’anno successivo.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> God of War Ragnarok anche su Playstation 4? Parla il CEO

Commodore 64, torna a farsi valere dopo 30 anni

Commodore 64
Commodore 64 Outrage (outragegame.com)

Dopo diverse avventure, nel 2001 Panther ha avuto la possibilità di convertire il suo codice sorgente e poter finalmente avviare il gioco su C64, appunto, ed avviarlo su PC. Dopo vari tentativi di pubblicazione (nel 2005 con Protovision e nel 2010 con Psytronik) e continue rifiniture, il progetto si è concretizzato nel 2018. Il risultato è stato finalmente la conclusione e lo sviluppo di Outrage.

Nel 2019, invece si è concluso lo sviluppo delle versioni beta. Nonostante la pandemia dovuta dal COVID-19 ed un 2020 non proprio resto dal punto di vista commerciale per tutti i mercati del mondo, Il lancio è tra i più attesi e programmato per il 15 dicembre 2020. Il countdown è ormai iniziato.

Otre a questo, è possibile consultare tutte le informazioni dettagliate, e tutta la timeline dello sviluppo travagliato di questa opera. Un’attesa coadiuvata da ansia e desiderio per l’arrivo dell’opera il cui retaggio è dato dallo sviluppo più lungo di tutti i tempi. Che altro si può dire? Non resta che pazientare è gettarsi nella nuova avventura, dopo 30 anni di attesa è arrivato finalmente il momento.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Genshin Impact è gioco dell’anno mobile: primo su Play Store e App Store