Destruction AllStars sarà un successo per 4 motivi: ma ad una condizione

Destruction AllStars uscirà il prossimo febbraio 2021, tra poche settimane. Ecco perché sarà un successo incredibile.

Chiariamoci, non siamo certo dei profeti. Ma una previsione ci sentiamo di farla e vogliamo sbilanciarci anche parecchio: crediamo che Destruction AllStars sarà un successo veramente incredibile. Parliamo del prossimo videogame sviluppato dallo studio inglese Lucid Games, che ha un passato certamente importante alle spalle. Infatti ha lavorato a Need For Speed Payback con Ghost Games, ma anche ad Apex Legends e Star Wars con EA e Respawn. Insomma, non proprio gli ultimi arrivati, e infatti ora stanno per lanciare uno dei loro progetti più ambiziosi: Destruction AllStar. Abbiamo visto dei video del videogioco, annunciato insieme alla PS5, che sarebbe già dovuto arrivare il 20 settembre scorso ma che gli sviluppatori hanno scelto di rinviare a febbraio 2021 perché non convinti dello stato dell’arte. Scelta apprezzatissima e che supportiamo, nell’anno di Cyberpunk 2077. Ebbene guardando i video di Destruction AllStars ci viene da pensare una cosa: sarà un successo.

Destruction AllStars sarà un successo per 4 motivi ma ad una condizione

Destruction AllStar scontro
Destruction AllStars scontro (screenshot)

GRATIS. Il gioco inizialmente non solo doveva uscire a settembre 2020, ma sarebbe anche dovuto uscire a prezzo pieno, a 69.99 euro, proprio come un tripla-A. Tuttavia col tempo, come si legge nel blog Playstation, gli sviluppatori hanno cambiato idea e rimandato il sito, optando anche per una nuova manovra: Destruction AllStars sarà disponibile per due mesi consecutivi (febbraio e marzo 2021) come uno dei giochi gratis su Playstation Plus. Ottimo per assicurarsi l’attenzione del pubblico in un momento storico dove Playstation 5 non offre moltissimo.

IBRIDO CHE FUNZIONA. Guardando i trailer di Destruction AllStars non si può che pensare a quanto questo tipo di videogioco sia un po’ come la creatura del dottor Frankenstein: un mix (potenzialmente) funzionante di altre parti che funzionano eccome. Le automobili che sfrecciano ad altissima velocità di Rocket League, i personaggi esagerati e macchiettistici con tanto di ultimate uniche (Apex Legends per restare vicini all’azienda, ma ci sarebbero dozzine di esempi). Lo stile grafico e l’accessibilità totale di Fortnite, la possibilità di giocare tutti contro tutti come negli amatissimi Battle Royale oppure a squadre per aumentare la community. E poi anche tanta tattica, dato che quando perderemo l’auto sarà possibile continuare a lottare a piedi, con nuove tattiche e abilità speciali che aggiungono spessore e varietà al gameplay.

LEGGI ANCHE —> Konami smentisce la chiusura della divisione dedicata ai videogiochi

Altri due motivi per credere in Destruction AllStars

Destruction AllStar a piedi
Destruction AllStars a piedi (screenshot)

PERSONAGGI “VERI”. Gli sviluppatori hanno parlato di una differenza importante tra i vari personaggi, con un background unico e addirittura delle rivalità con altre stelle del roster. Insomma, anche un cucchiaio di storia e di cornice a quello che accade, materia rarissima in un gioco free-to-play basato su schemi da Battle Royale. Provare soddisfazione nel vaporizzare la fiancata di un avversario per un motivo che non sia soltanto il punteggio è senza dubbio un’aggiunta che potrebbe fare bene al panorama videoludico.

SKIN E ACQUISTI IN-GAME (NO PAY-TO-WIN).L’eterogeneità dei personaggi, delle loro fattezze e del loro design non può fare altro che spingerci a riflettere sulle enorme possibilità che si avranno di personalizzarli con skin e nuovi abiti. Per non parlare delle automobili nel gioco, che potrebbero anche essere oggetto di un leggero tuning. Ovviamente tutto purché si parli di personalizzazione prettamente estetiche, il pay-to-win non è mai una pratica condivisibile e speriamo che si estingua quanto prima.

LEGGI ANCHE —> The Last Of Us 2, con Resident Evil 3 esiste un finale alternativo – VIDEO

Potrebbe essere un successo, ma tutto dipende da Sony

PS5 con lettore e digital
PS5 disponibile oggi ma già finita: il trucco degli scalper (via Playstation)

Abbiamo appena elencato i potenziali punti di forza di Destruction AllStars, che come avete visto, secondo noi, ha tutte le carte in regola per poter essere il nuovo gioco di successo del momento. Ma tutte le nostre speculazioni partono da un presupposto imprescindibile: Destruction AllStars è un gioco PS5. E quindi serve una console next-gen per potervi giocare, non è possibile giocarlo su PS4. Pertanto Sony dovrà quanto prima provvedere a rifornire il mercato mondiale, e soprattutto quello italiano, di console e anche in tempi utili per poter permettere al gioco di Lucid Games di poter avere un lancio numericamente importante. Altrimenti potrebbe diventare solo un’occasione persa. 

LINK UTILI PER ACQUISTARE PS5

ps5
(fonte: YouTube).