Graphic designer lascia Nintendo dopo 32 anni: “Che tristezza”

Graphic designer Imamura lascia Nintendo dopo aver lavorato per la software house negli ultimi 32 anni: ecco l’addio di Takaya Imamura.

Gli anni passano e anche velocemente. Soprattutto nell’industria videoludica, dove la tecnologia e i software cambiano le regole del gioco, si avverte lo scorrere incessante degli anni. Una nuova macchina, un nuovo processore, una nuova tecnica, un nuovo modo di intendere un genere. Salti generazionali, continui, certe volti enormi, altri un po’ più piccoli, ma comunque sempre in avanti. Qualche volta più a lato che in avanti. E tuttavia questa marcia verso il nuovo spesso ci fa dimenticare che gli anni passano velocemente. E un giorno ci si meraviglia per la grafica di Pitfall, caratterizzata da pochi pixel, e quello dopo si rimane a bocca spalancata dinanzi alle animazioni di The Last Of Us Parte 2. Probabilmente anche per il famosissimo Takaya Imamura il tempo è volato, da una prospettiva però diversa.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> The Medium mostra le caratteristiche del gameplay in un nuovo trailer

Graphic designer lascia Nintendo dopo 32 anni: “Che tristezza”

Star Fox
Star Fox (screenshot)

Takaya Imamura è un graphic desiger che ha aiutato Nintendo a diventare quella che è oggi. L’uomo, infatti, ha lavorato alacremente ad enormi progetti dell’azienda giapponese, confezionando l’aspetto grafico di giochi che hanno fatto la storia della compagnia. Tra tutti ovviamente Star Fox, uno dei più grandi e famosi esempi di sparatutto a scorrimento con astronavi. Il gioco, uscito per la prima volta nel lontano 1993, ancora oggi continua ad essere importante per Nintendo, che è costantemente a lavoro per dei sequel.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Atomic Heart si mostra in un nuovo sanguinoso trailer – VIDEO

E ora i fan attendono un sesto capitolo. Che però, inevitabilmente, dovrà fare a meno del noto sviluppatore. Infatti Takaya Imamura ha poche ore fa annunciato l’addio a Nintendo, dopo 32 lunghissimi anni di lavoro. “Sono molto triste, mi sembra strano pensare di non dover più tornare in questo edificio, ha scritto su Facebook. Imamura ha anche annunciato che lavorerà in proprio da ora in poi.