Morto il campione di Tetris Jonas Neubauer, più volte campione del mondo

Tretis Jonas Neubauer
(fonte: YouTube).

Lutto improvviso nel mondo del Tetris. Il fenomeno Jonas Neubauer, sette volte campione del mondo, è morto a soli 39 anni.

Un lutto improvviso sconvolge la comunità videoludica e non solo. Il fenomeno del Tetris, Jonas Neubauer, ci ha infatti lasciato giovanissimo, all’età di soli 39 anni; a darne la notizia ufficiale il suo account Twitter.

Neubauer ha conquistato durante la sua vita per ben sette volte il Classic Tetris World Championship, battendo record su record.

Leggi anche –> Come usare un portatile per giocare con PS5 e Nintendo Switch – VIDEO

Scomparso il fenomeno del Tetris Jonas Neubauer: le sue imprese

Tretis
(fonte: YouTube).

La notizia è stata resa ufficiale solo da pochi giorni, ma il giovane giocatore è scomparso lo scorso 5 gennaio; ancora avvolte dal mistero le  cause della morte, ma risultano attività sui suoi profili social fino al 4 gennaio.

Appassionato del gioco fin dall’infanzia, all’età di 9 anni ha iniziato a giocare con costanza: nel 2006 riuscì ad ottenere il punteggio record 999999 punti. Sarebbe stato solo il primo di una lunga serie di primati, considerando i 300000 punti in poco meno di 2 minuti totalizzati successivamente, nonché il punteggio di  1245200 nel 2018.

Neubauer conquista il primo titolo mondiale nel 2010, vincendo l’edizione inaugurale del Classic Tetris World Championship; da lì in poi, sarà dominio quasi totale, vincendo altre tre edizioni (per un totale di quattro consecutive), perdendo solamente nel 2014. Dal 2015 poi altre tre vittorie, fino alla sconfitta nel 2018 contro Joseph Salee.

Leggi anche –> Pokémon Rosso giocabile su Twitter grazie ad un utente: il curioso caso

Un vero e proprio monumento del Tetris, gioco che ha sempre apprezzato (come rivelato in un’intervista al sito ufficiale) per la sua capacità di porre il giocatore in sfida con sé stesso, e non con altri. Condoglianze a tutta la famiglia e agli amici più stretti: riposa in pace, Jonas!