Questo PC da gaming è talmente potente da essere illegale

Un PC da gaming di prima fascia è così potente che è stato reso illegale in ben 6 Stati. Ecco tutti i clamorosi dettagli.

PC Alienware illegale

Videogiocare è un hobby sempre più costoso ed elitario. Infatti sebbene quello che stiamo vivendo è senza dubbio il periodo dei free-to-play, con un’idea di videogioco inteso come game as a service più che prodotto finito e da vendere subito, giocare è costoso.

Soprattutto se si vuole godere al massimo di un tripla-A che fa della grafica realistica, delle animazioni, degli effetti particellari e dell’azione frenetica i propri punti di forza. E sebbene alcuni studi di sviluppo riescano a fare dei veri e propri miracoli in termini di ottimizzazione, si pensi a The Last of Us Parte 2 che è godibilissimo anche su PlayStation 4, si parla di rare eccezzioni.

In molti altri casi, dovendo far girare il proprio videogioco su tante piattaforme e quindi non potendo specializzarsi e lavorare con un unico hardware ed un unico software, le cose si fanno difficili. E per essere certi di poter giocare virtualmente a tutto per i prossimi 4-5 anni, i giocatori acquistano PC da gaming estremamente costosi e incredibilmente potenti. Tanto da essere illegali.

Il computer da gaming in questione è un prodotti di alta fascia. Parliamo degli Alienware Aurora Ryzen Edition R10 e R12. Prodotti dalla branca da gaming di Dell, questi PC hanno caratteristiche hardware da top di gamma e richiedono tanta corrente per funzionare al massimo. Cosa che non piace ad alcuni governi.

In un comunciato ufficiale riportato da Futurism, si legge che gli Stati di California, Colorado, Hawaii, Oregon, Vermont e Washington non permetteranno a questi PC da gaming di essere acquistati, dato che violeano le nuove leggi in materia di consumo elettrico per dispositivi per il gaming.

Leggi anche —> Videogioco rinviato perché troppo popolare: tra Halo e Portal

Una posizione veramente molto particolare, che sta facendo parecchio discutere. Infatti in tanti si lamentano del fatto che siano invece legali le fabbriche di mining dei Bitcoin, che pur non consumando per ogni scheda grafica più del PC di Alienware, come stabilimento sono ridicolmente più energivore del prodotto di DELL.