Da adesso una rara carta Pokémon vale 1.5 milioni di euro

Se quando eravate più piccoli giocavate con le carte dei Pokémon ci sono buone probabilità che abbiate avuto per le mani oggetti che adesso hanno un valore stratosferico.

Stando infatti ad una analisi condotta dal sito specializzato in investimenti money.co.uk, ci sono alcune carte dei mostriciattoli da taschino che hanno ora un valore che può variare da poco meno di 6mila euro fino a oltre un milione e mezzo di euro.

Da adesso una rara carta Pokémon vale 1.5 milioni di euro
Da adesso una rara carta Pokémon vale 1.5 milioni di euro (foto: Unsplash)

Gli oggetti da collezione possono essere insospettabili. Tanti ora fanno per esempio carte false per mettere le mani su un Game Boy originale di prima generazione mentre c’è chi è disposto anche a un patto col diavolo per una console dell’epoca dell’Amiga o anche solo per qualche cartuccia. Se siete stati bravi collezionisti e il vostro mazzo di carte Pokémon è ancora in buone condizioni date un’occhiata alla lista stilata dai colleghi di money.co per scoprire se avete tra le mani qualcosa che vale in pratica come un’intera palazzina.

Carte dei Pokémon, la caccia è ancora aperta

Sembro assurdo che rettangolini di cartoncino stampati possano ora valere migliaia di euro ma è così. Money.co ha stilato una classifica con le carte di Pokémon, analizzando i dati presenti su eBay, che potrebbero fare qualcuno veramente ricco.

Da adesso una rara carta Pokémon vale 1.5 milioni di euro
Da adesso una rara carta Pokémon vale 1.5 milioni di euro (foto: Unsplash)

Ci è capitato di parlare tempo fa per esempio di Logan Paul, youtuber che ha speso l’equivalente di quasi 4 milioni e mezzo di euro per portarsi a casa una singola carta dei Pokémon estremamente rara. Ovviamente il primo criterio che fa lievitare il prezzo di una carta Pokémon è la sua rarità. Se siete stati fortunati o fortunate da piccoli e vi è capitata qualche carta speciale potreste ora guadagnarci qualche centinaio di euro. Nel corso dei decenni, le versioni delle carte dei mostriciattoli sono state diverse, alcune non sono uscite neanche dal natio Giappone, il che le rende ancora più rare.

Ma vediamo partendo da quella che costa meno, e si fa per dire, fino ad arrivare alla carta Pokémon più ricercata e costosa che rappresenta neanche a farlo apposta Pikachu. In decima posizione c’è una carta di Kabutops venduta a poco più di 5800 euro. Troviamo poi un Heracross del 2000 a 8mila euro circa. Alla posizione otto una carta decisamente difficile da avere perché presente nei distributori giapponesi e rappresenta Gengar. Se avete avuto anche voi lo zio che è andato in Giappone e vi ha riportato qualcosa andate a controllare se avete questa carta perché avete per le mani 11mila euro. Alla posizione 7 un Magikarp di una serie del 1998 che vale poco più di 13mila euro e in posizione 6 un Suicune. Alla posizione 5 una prima edizione di un Typhlosion che trovate in vendita a poco meno di 20mila euro. Se volete un Charizard veramente da collezione dovete sborsare 30mila euro per una prima edizione della famosa serie sbagliata.

Al terzo posto di questa classifica speciale si colloca una Machamp prima edizione a 35mila euro. Il salto di prezzo dalla terza alla seconda posizione è evidente: se volete portarvi a casa una carta trofeo Kangaskhan del torneo del 1998 dovete essere pronti a sborsare 465mila euro. E veniamo allora alla carta più costosa che si trova su eBay, una carta che rappresenta Pikachu risalente al 2001 che viene venduta a 1.593.275 euro. Cifre impensabili per qualcosa che, nel momento in cui è uscita costava come qualche pacchetto di gomme.