Un segreto agghiacciante rende Skyrim un incubo

Uno tra i giochi più amati di sempre, Skyrim, nasconde un segreto. Scoperto dopo 10 anni dall’uscita del titolo 

segreto Skyrim

Sono passati ormai 10 anni dal rilascio ufficiale. Tuttavia ancora oggi si continua a giocare a The Elder Scrolls V Skyrim. I giorni scorsi si è parlato di alcune mod in grado di cambiare completamente l’intero cult di Bethesda. Un modder, in una di queste, ha addirittura inserito 500 mod. Oltre a tali novità, i fan stanno venendo a conoscenza di molti segreti rimasti nel gioco. Tenuti nascosti fino a questo momento. Un segreto di Skyrim è emerso di recente ed è alquanto agghiacciante.

Come viene sottolineato dalla redazione di Game Rant, non si tratta affatto di una  scoperta nuova. Tuttavia sono molti i giocatori che ne ignoravano l’esistenza in Skyrim. È stato l’utente KJ00R a condividere questa scoperta su Reddit mediante un post. Il fatto molto curioso è che l’utente, solo dopo aver giocato a Skrym per 8 anni, ha scoperto questo dettaglio decisamente lugubre.

Skyrim cela un segreto da 10 anni

segreto Skyrim
segreto Skyrim (fonte elderscrolls.bethesda.net)

È stato scoperto che i giocatori hanno la possibilità di mangiare i cadaveri dei nemici morti per far in modo di ripristinare la propria salute e la propria fame nella modalità sopravvivenza. È necessario precisare però che prima di poter banchettare con i cadaveri dei nemici, i giocatori devono completare la missione The Taste of Death ed ottenere l’Anello di Namira. Il giocatore può accedere a questa missione solo una volta entrato nella Hall of the Dead a Markarth.

Leggi anche -> Xbox Game Pass settembre 2021, annunciato il primo gioco

Leggi anche -> Xbox Game Pass settembre 2021, annunciato il primo gioco

Non si tratta certamente della prima volta in cui si sente parlare di segreti celati all’interno di The Elder Scrolls V Skyrim. Sicuramente non sarà nemmeno l’ultima, dato che probabilmente il celebre titolo nasconde ancora molti altri segreti. Non resta che attendere che qualche altro esploratore possa condividere qualche inedita e sorprendente scoperta.