Tales from the Borderlands tornerà negli store settimana prossima

Tales from the Borderlands, il titolo targato Telltale Games nato dalle idee di Gearbox, sta per tornare. Dopo una grande assenza, causata dal dichiarato fallimento dell’azienda nel 2018 il titolo in cinque capitoli era stato rimosso dagli store digitali di ogni società che si occupasse di acquisto e digital delivery.

Dopo una successiva rivitalizzazione ad agosto 2019, gli studios hanno iniziato a risollevarsi e, ora, intendono rendere di nuovo disponibile Tales from the Borderlands sugli store principali. Il titolo spin-off, che presenta per la prima volta personaggi ricomparsi, poi, in Borderlands 3, come Rhys e Vaughn, due dei protagonisti, può quindi godere di nuova luce e avere qualche possibilità in più sul mercato.

Leggi anche –> Jamie Lee Curtis sarà Tannis nel film di Borderlands

Batti il pugno, bro!

Tales from the borderlands
Il cast di Tales from the Borderlands. Fonte: “YouTube”

Gearbox lo annuncia con un blogpost: Tales from the Borderlands verrà ripubblicato, quindi, il 17 febbraio 2021 e sarà acquistabile unicamente come bundle di tutti e cinque gli episodi e non sarà possibile decidere di acquistare separatamente e selettivamente uno di essi. Il pacchetto sarà acquistabile dagli store PC e sulle console di ormai old gen, ovvero PlayStation 4 e Xbox One. Purtroppo, non si conosce ancora nessun dettaglio circa la vendita sugli store di PlayStation 5, Xbox One Series X e Xbox One Series S.

Leggi anche –> Terraria non arriverà su Stadia, parola di Andrew Spinks

Tales from the Borderlands, nonostante la sua innegabile qualità, sia a livello di narrativa che di scrittura di personaggi e, soprattutto, del folle, crudo e grottesco umorismo dissacrante che contraddistingue la saga, non navigava inizialmente in buone acque. Già dopo essere giunti alla pubblicazione della metà dei capitoli, sembrava che la serie Telltale in questione dovesse chiudere i battenti prima del previsto a causa della scarsità di vendite e un mancato interesse da parte del pubblico. Il titolo, invece, fu portato avanti da un manipolo di sviluppatori che si dichiararono disposti a lavorare anche fuori dall’orario lavorativo per portarlo a termine, come atto di pura e semplice volontà.

LINK UTILI