The Last of Us Parte 2, Druckmmann risponde ad un fan deluso

The Last of Us Parte 2 continua a creare discussione online e tra i videogiocatori, tanto che il creatore, Neil Druckmann, è intervenuto.

Certamente un titolo estremamente divisivo l’ultimo grande lavoro confezionato da Naughty Dog, che non ha convinto proprio tutti. Purtroppo però, bisogna dirlo, la maggioranza di coloro che sono rimasti delusi dal titolo non l’hanno neanche giocato, infuriati e adirati in un mix di odio verso le tematiche e gli argomenti che vengono trattati, in un modo piuttosto superficiale non essendo quello il focus del gioco, durante l’avventura di Ellie e Abby. Purtroppo gli spoiler, rivelatisi spesso falsi, e alcune scelte a dir poco potenti come quella di uccidere Joel in un modo molto grottesco e particolarmente drammatico ed inaspettato, non hanno trovato il favore di una parte dei videogiocatori.

The Last of Us Parte 2, Druckmmann risponde ad un fan deluso
The Last of Us Parte 2, Druckmmann risponde ad un fan deluso

E così ancora oggi, quasi due anni dopo la data d’uscita del titolo e tanti mesi dopo averlo visto trionfare ai The Game Awards 2020 con il GOTY, ci sono alcuni che ancora muovono critiche piuttosto aspre al team di sviluppo e a chi ha curato lo sviluppo del titolo. Tanto che Neil Druckmann, presidente di Naughty Dog e supervisore dell’intero progetto di The Last of Us, ha dovuto rispondere duramente ad alcuni videogiocatori.

The Last of Us Parte 2, Druckmann parla di Joel

In particolare nella sequenza che porta alla tragica morte di Joel Miller, in tanti hanno criticato le scelte fatti dagli sviluppatori, sottolineando che avessero costretto il personaggio a morire cambiandone senza senso la psicologia. Sottolineando come fosse sempre stato un sopravvissuto particolarmente scaltro, guardingo e persino cinico nei titoli passati, alcuni non comprendono come Joel si sia fidato di Abby, cadendo nella sua trappola.

Druckmann su Joel in TLOU2

Risponde Neil Druckmann con un tweet particolarmente duro, spiegando le scelte prese e motivando le mosse fatte da Joel e Tommy. Ecco le sue parole:

Leggi anche -> God of War, nella nuova mod c’è CJ di GTA San Andreas – VIDEO

“1) Se Joel non fosse andato al rifugio, lui e Tommy sarebbero morti per l’orda.

2) Per quanto riguarda la fiducia – ricordate lo straniero nel primo gioco di cui Joel si fidava e al quale si addormentava accanto? Ecco un indizio: ha poi lasciato Joel ed Ellie a morire per proteggere il suo fratellino”.

Sarà abbastanza per eliminare ogni polemica? C’è lo dirà il tempo.

Leggi anche -> Xbox Game Pass, marzo ricchissimo per gli abbonati