Twitch, la funzione Boost che penalizza i canali piccoli

Twitch
Twitch piattaforma (screenshot YouTube)

Twitch sperimenta una funziona del tutto nuova che prende il nome di “Boost this stream”. Ma forse porta con se qualche cosa negativa 

L’operazione progettata sta facendo molto discutere in quanto vi è il rischio concreto di vedere l’eliminazione dei canali più piccoli.
Questa nuova opzione per mano di Twitch può essere sbloccata grazie ad una sfida alla comunità ed ha, come richiesta per gli spettatori, quella di spendere alcuni punti canale per vedere così accessibile la ricompensa.

In linea di massima l’obiettivo è quello di far in modo che la parte streaming venga implementata e promossa sempre di più. Il risultato è quello di falla divenire la sezione più cliccata della piattaforma.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Amazon GameOn: arriva il Twitch per i giocatori su smartphone

Twitch, la nuova funzione Boost

Twitch
Twitch piattaforma (screenshot YouTube)

Come funziona? In pratica lo streamer viene avvertito della presenza di una nuova sfida grazie alla comparsa di una notifica. In seguito ha l’opportunità di far partecipare gli spettatori al fine di riempire la barra del Boost. Maggiormente le preoccupazioni sono rivolte verso l’applicazione del sistema.

Infatti è compito della piattaforma stessa scegliere i canali su cui si andrà ad attivare la promozione e ad impostare il numero da raggiungere al fine di ottenere la nuova funzionalità. La limitazione presente è quella che riguarda il numero massimo di punti che gli utenti possono spendere. Infatti è stata fissata ad un massimo di 2.000 punti giornalieri.

Detto ciò, la perplessità è rivolta verso il favorire molto i grandi streamer. Si tratta di coloro che hanno comunità molto numerose e che pertanto possono contare su di un bacino d’utenza molto esteso. Nonostante ciò, la risposta dalla piattaforma non ha tardato ad arrivare.

Infatti quest’ultima afferma che il numero necessario per il raggiungimento del Boost è strettamente correlato agli spettatori connessi ad un canale, senza però chiarire le unità di misura necessarie. Per fortuna la funzionalità è ancora in via sperimentale e quindi vi è tutto il tempo per colmare i vari buchi neri presenti nel progetto.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Microsoft, ora i tornei eSport si giocano su Smash.gg