Videogiochi e diritti umani, le aziende premiate per l’uguaglianza LGBTQ

Le aziende del mondo dei videogiochi premiate per il loro sostegno concreto alla campagna sui diritti umani e all’uguagliana LGBTQ.

Grazie alle lotte di moltissime persone, il mondo è sempre più attento (finalmente) all’inclusione di persone di qualunque sesso o orientamento sessuale; non possono fare altrimenti anche le maggiori aziende di qualunque settore.

Incluso, ovviamente, anche il mondo dei videogiochi: la campagna sui diritti umani ha infatti pubblicato la classifica dell’indice di uguaglianza aziendale 2021, con premiat le aziende che maggiormente si battono per l’uguaglianza sul posto di lavoro di persone LGBTQ. Tra queste, quattro tra le maggiori del settore videoludico.

Leggi anche –> Gotham Knights sarà un titolo “speciale” per il nuovo sceneggiatore

Videogiochi e diritti umani, le aziende premiate per lo sforzo per l’uguaglianza LGBTQ

videogiochi lgbtq
Baci a tema LGBTQ nel mondo videoludico (fonte: YouTube).

Tra le più di 700 aziende nella classifica, troviamo anche colossi del mondo videoludico come Activision Blizzard, Sony, Microsoft  e anche il franchising legato alla vendita di videogiochi, GameStop.

Leggi anche –> Il film di Borderlands scegle Kevin Hart come protagonista

“Per ottenere alte valutazioni, queste aziende hanno adottato misure concrete per stabilire e attuare politiche e pratiche garanti di una maggiore equità sia per i lavoratori LGBTQ sia per le loro famiglie” dichiara l’organizzazione. La classifica inserisce nell’indice solo alle grandi aziende con sede negli Stati Uniti.

LINK UTILI

ps5
(fonte: YouTube).