Apple pronta a produrre nuovo iPad Mini, forse è il primo col display flessibile

Chi ha espresso il desiderio che dal 2023 vorrebbe avere in dote un nuovo iPad Mini, è un po’ borderline. Potrebbe vederlo realizzato, oppure aspettare il 2024.

Non arrivano buone notizie in tal senso per gli amanti di un certo dispositivo marchiato dalla mela più famosa al mondo. L’ultimo dispositivo mini di iPad è ormai datato settembre 2021, ma a quanto pare il colosso di Cupertino non sembrerebbe affatto accelerato il passo verso un suo sviluppo immediato.  E’ l’arcinoto Ming Chi Kuo non aprire molto a questa possibilità. Il noto analista, tramite una serie di tweet, ipotizza che un nuovo processore/chip sarà il principale punto di forza del nuovo iPad mini, suggerendo che il dispositivo riceverà solo un aumento delle specifiche.

iPad Mini - Videogiochi.com 20221228
iPad Mini – Videogiochi.com

L’attuale iPad mini è stato rilasciato a settembre 2021 e presenta un display da 8,3 pollici, chip A15 Bionic, porta USB-C, pulsante di accensione Touch ID, supporto 5G sui modelli cellulari e altro ancora, con prezzi a partire da 499 dollari negli Stati Uniti con 64 GB di stoccaggio. Kuo non ha condiviso ulteriori dettagli sul nuovo iPad mini, ma ha affermato che è improbabile che Apple sostituisca l’iPad mini con un iPad pieghevole almeno fino al 2025, poiché ritiene che un iPad pieghevole avrebbe un prezzo notevolmente più alto di un iPad mini. Il suo discorso effettivamente non fa una piega.

Un nuovo chipset entro la fine del 2023?

L’ultimo tweet di Kuo rivela che Apple lancerà un nuovo iPad mini con un nuovo chipset entro la fine del prossimo anno o all’inizio del 2024. Ecco perché si diceva, sopra, di quel desiderio borderline. E’ a cavallo fra il 2023 e il 2024. Il nuovo processore dovrebbe essere il principale punto di forza dell’iPad mini. Sebbene non si sappia quale chipset utilizzerà il prossimo iPad mini, potrebbe essere la serie A di nuova generazione o il chip della serie M.

Apple - Videogiochi.com 20221228
Apple – Videogiochi.com

Se quest’ultima opzione dovesse prevalere, il nuovo iPad mini si unirebbe ai modelli iPad Air e iPad Pro attualmente costosi, forniti rispettivamente con i chip M1 e M2. Questo potrebbe succedere all’iPad mini dello scorso anno, fornito con il chipset A15 Bionic, il supporto 5G, un design flat-edge, Touch ID e altro ancora, compreso il supporto per Apple Pencil di seconda generazione.

Difficile davvero capire come procederà Apple, al di là dei tweet di Kuo e altre speculazioni, mancano proprio i dettagli a tracciare l’identikit del nuovo iPad mini. Aspettare prima di sbilanciarsi, è cosa buona e giusta.