Arrestato alle Bahamas il re delle Crypto e fondatore di FTX: ecco la rocambolesca storia

Per Sam Bankman-Fried è giunto il momento di prendersi le proprie responsabilità in tribunale. Dopo la fama e il successo ora il trader raccoglie ciò che ha seminato.

Per il fondatore di FTX, ora solo ex amministratore delegato, l’epoca d’oro ha davvero raggiunto il suo termine. Dopo la presentazione di accuse legali a suo carico da parte degli Stati Uniti è stato infine arrestato. Quando è stato raggiunto dalle forze dell’ordine Bankman-Fried si trovava alle Bahamas. Il primo ministro dello stato insulare ha confermato gli interessi comuni con New York per la messa agli arresti del giovane imprenditore.

FTX crollo
Una volta fiorente, ora FTX è in bancarotta. (Videogiochi.com)

La storia di FTX era iniziata appena 3 anni fa e la sua bancarotta è arrivata a sorpresa dopo un rapido tracollo avvenuto in pochi giorni. A soli 30 anni il suo fondatore risultava fra i miliardari di Forbes, per la precisione alla 60esima posizione. Possedeva infatti un patrimonio del valore di 26 miliardi di dollari.

Dalle stelle alla bancarotta

Da quasi 30 miliardi Bankman-Fried ha visto scendere il valore di FTX del 94% in un giorno, scendendo ad appaena 991 milioni. Il problema è stato legato a un crollo del valore del token Ftt su cui si basava la sua piattaforma di trading. L’istanza di fallimento è stata infine presentata l’11 novembre mentre il suo fondatore ha deciso di dimettersi. Peccato che ora  a suo carico pendano le accuse che si può ipotizzare siano di frode telematica, frode in titoli e riciclaggio di denaro. 

trading crypto
Quando si tratta di trading c’è sempre un margine di alto rischio. (Videogiochi.com)

Per quanto Bankman-Fried ribadisca che la causa sia stata la svendita delle criptovalute avvenuta negli scorsi mesi, ora ci sono diversi creditori di FTX che richiedono il giusto risarcimento. In tutto questi raggiungono le centinaia di migliaia, ma ai cinquanta maggiori il giovane deve almeno 3 miliardi di dollari.

La SEC ha già approvato

Sarà il tribunale di New York a gestire il processo ma si sa che la Securities and Exchange Commission (SEC) ha dato la sua approvazione alle azioni giudiziarie contro il fondatore di FTX. Starà poi a lui dimostrare di non avere violato la legge sui mercati azionari.

giustizia simbolo
Presto a New York si terrà il processo. (Videogiochi.com)

Pare che la gestione di FTX non fosse ottimale dalle informazioni fornite finora, anzi si parla addirittura di diverse mancanze a livello di controlli aziendali. Un triste epilogo per Sam Bankman-Fried, che ha sempre avuto un’immagine di persona sensibile e dedita alle cause umanitarie.