Dead Space Remake, retroscena incredibile sullo sviluppo

A quanto pare la versione remake di Dead Space è l’esempio di come studi di sviluppo diversi dovrebbero gestire l’eredità di chi li ha preceduti.

Dead Space Remastered, retroscena incredibile sullo sviluppo
Dead Space Remastered, retroscena incredibile sullo sviluppo (foto: youtube)

L’ultimo retroscena, che ci mostra un modo sano di gestire un remake, è saltato fuori su Twitter dove uno degli appartenenti al team di sviluppo originale ha voluto fare i complimenti pubblicamente ad EA Motive. A scrivere parole di elogio è stato Dino Ignacio, User Experience Director della trilogia originale di Dead Space.

Il tweet è doppiamente interessante in quanto dimostra come nello sviluppo di questo remake firmato EA motive, sia stato coinvolto almeno un membro del team originale. In questo caso, quindi, sembra proprio che le belle parole che si spendono in fatto di rispetto della tradizione e dei contenuti originali non siano solo dichiarazioni vuote per non fare infuriare i fan.

Dead Space, EA Motive “straordinariamente rispettosi”

Quello che Dino Ignacio ha voluto scrivere su Twitter è un piccolo elogio al team di Electronic Arts: “Lo scorso gennaio, sono stato invitato ad aiutare nel guidare gli sviluppatori che stavano rifacendo un gioco su cui ho lavorato 13 anni fa. È stato davvero un privilegio essere consulente e fornire consigli al Team EA motive su una serie che è vicina al mio cuore. Congratulazioni a tutto il team!” E con un secondo tweet, arrivato poco dopo in risposta a qualcuno (e che qualcuno!) mostrava entusiasmo per la notizia che un membro del team originale fosse stato chiamato a collaborare, Dino Ignacio ha voluto ribadire “Il team è stato estremamente rispettoso della serie cercando allo stesso tempo sistemi per rinnovare e sorprendere”.

Ignacio ora è Principal Design Manager per Roblox, decisamente un’esperienza di gioco diversissima da quel lontano inizio anni 2000 in cui insieme ad altri grandi nomi, per esempio Schofield il Director, creava claustrofobici corridoi in cui dopo un po’ saltavi e sparavi anche alla tua ombra. E il suo messaggio su Twitter ha in realtà risvegliato in molti altri ex membri del team originale di Dead Space l’amore per questa serie.

Congratulazioni al Team EA Motive sono arrivate per esempio, a parte da Schofield, anche da StevePapoutsis (il qualcuno di cui vi dicevamo) che ora lavora come Chief Development Officer a Striking distance Studios. Tra l’altro, proprio Papoutsis e Schofield hanno prodotto con il neonato team di Striking Distance The Callisto Protocol, un altro Survival Horror che vedremo l’anno prossimo.

Leggi anche —> TRIGGERED – Mi aspetto un FIFA 22 spettacolare per giustificare EA

Leggi anche —> Videogioco di Cristiano Ronaldo supera Fortnite – VIDEO

Quando si fa un remake, e ad occuparsene è uno studio di sviluppo diverso da quello originale, occorre sempre tenere le dita incrociate perché nella foga di voler aggiungere novità che piacciano a un pubblico nuovo non si finisca col creare una versione zoppa di quelle esperienze originali. La premessa, nel caso di Dead Space, sembra positiva, ma occorrerà aspettare di averla tra le mani per poter giudicare La fedeltà e l’originalità.