Fisico contro digitale, giocatori PS5 hanno una preferenza netta

Per i giocatori che utilizzano la PS5 non sembrano esserci dubbi riguardo se sia meglio la versione fisica o quella digitale dei videogiochi.

Fisico contro digitale, giocatori PS5 hanno una preferenza netta
Fisico contro digitale, giocatori PS5 hanno una preferenza netta (foto: SOny)

I risultati non vengono da un sondaggio, in cui volendo qualcuno potrebbe mentire, ma dalle vendite effettive dei prodotti destinati alla console di nuova generazione di casa Sony. A diffonderli è stata la Global Sales Data con una presentazione a Londra.

I numeri non sono così distanti per quello che riguarda le vendite dei videogiochi nella loro versione fisica o nella loro versione in digital download ma rimane comunque ancora una evidente preferenza per un solo canale tra questi due. E probabilmente il motivo di questa leggera discrepanza a favore di uno dei due canali è dovuta a una sorta di nostalgia o abitudine. O forse semplicemente al fatto che le console anche la PS5 continuano ad essere costruite in un certo modo.

PS5: il fisico batte ancora il digitale

Fisico contro digitale, giocatori PS5 hanno una preferenza netta
Fisico contro digitale, giocatori PS5 hanno una preferenza netta (foto: pixabay)

Per quello che riguarda le vendite dei prodotti per PlayStation 5 i dati registrati nei primi 10 mesi dall’uscita sul mercato parlano ancora di una preferenza per i prodotti fisici rispetto a quelli digitali. La differenza in quantità di copie vendute è rimasta costante. E soltanto a novembre del 2020 si è avuta una inversione che però poi è rientrata.

Per quello che riguarda i numeri assoluti, i mesi in cui si sono registrate le vendite più alte per i giochi in formato digitale sono stati dicembre e gennaio in cui si è arrivati a 870 mila copie. Secondo gli analisti il fatto che comunque nonostante ci sia la possibilità di un acquisto in download quindi immediato i giocatori di PS5 continuano a preferire la versione fisica derivi da alcuni fattori.

Fattori cui anche noi come giornalisti di settore facciamo caso. Innanzitutto il prezzo. I giochi per PS5 si aggirano intorno ai 70 euro, percepito ancora come un prezzo ragguardevole il che porta i giocatori a preferire un oggetto fisico piuttosto che semplicemente un mucchietto di bit su un hard disk che potrebbe rovinarsi.

C’è poi chiaramente quello cui accennavamo all’inizio cioè l’abitudine e il fatto che quando qualcuno viene a trovarvi fa molta più scena mostrargli una bella pila ordinata di videogiochi con i loro box piuttosto che far partire la console e mostrare una lista di titoli. Le versioni fisiche, poi, sono anche rivendibili o comunque noleggiabili o prestabili, cosa che non può succedere con quelle digitali.

Leggi anche -> Ubisoft continua ad ingrandirsi, nuovo studio aperto

Leggi anche -> Esclusiva Nintendo sta per arrivare su Playstation

Se in futuro la console Sony, ma magari anche Xbox, troverà un sistema per cui anche con le copie in digital download sarà possibile fare uno scambio o un prestito magari tra i giocatori presenti in una lista amici specifica questa tendenza in parte potrebbe essere rivista.

Impostazioni privacy