GOTY 2021, ci sarà un cambiamento storico

Geoff Keighley, patron dei GOTY 2021, ha annunciato un cambiamento epocale per la kermesse dedicata ai videogiochi.

GOTY 2021, ci sarà un cambiamento storico
GOTY 2021, ci sarà un cambiamento storico (foto GOTY)

Verrebbe da fare una battuta e dire che avevano ragione quelli dell’account Twitter Xbox quando chiedevano al buon Keighley di evitare tutte le porcherie e concentrarsi sui videogiochi. Perché in un lungo post pubblicato sul sito di Epic Games, Keighley ha fornito una serie di dettagli proprio riguardo la nuova edizione dei Game Awards prevista per il prossimo 9 dicembre.

La prima notizia, che è un cambiamento epocale sicuramente rispetto all’edizione dell’anno scorso e forse anche un azzardo, è che si tornerà ad avere un evento con un pubblico dal vivo. Non ci saranno folle oceaniche ma si tratterà di una serata solo e strettamente su invito per un numero quindi limitato di persone che riempiranno il Microsoft Theater di Los Angeles mentre tutto il resto del mondo potrà seguire i Game Awards su più di 40 piattaforme di streaming.

Ma il cambiamento più grande sarà un altro: torneranno i videogiochi.

GOTY 2021, sui videogiochi si avvera la previsione Xbox

GOTY 2021, ci sarà un cambiamento storico
GOTY 2021, ci sarà un cambiamento storico (foto: GOTY)

Geoff Keighley ha così raccontato l’esperienza dell’anno scorso: “qualcuno ci ha detto ‘oh, è andata bene l’anno scorso, perché non lo fate semplicemente di nuovo quest’anno e fate collegare tutti su zoom così non vi dovete preoccupare di avere un evento di persona’. Penso che siamo stati tutti contenti di farlo ma ci mancava veramente l’energia delle persone nel momento in cui ricevono i premi in diretta e le reazioni e tutto quel genere di cose”.

Ed è questa la motivazione principale che ha spinto il team dei Game Awards a riorganizzare un evento di persona per questa edizione. E nell’edizione virtuale c’è stato modo sia per Keighley sia proprio per il pubblico di rendersi conto che non sono le star e l’intrattenimento a fare lo spettacolo ma i videogiochi. Questa è la dichiarazione destinata a far contenti tutti: “ è fantastico avere le celebrità, è fantastico avere la musica, ma penso che concentrarsi davvero sui giochi sia importante. Soprattutto quest’anno, ci saranno molti contenuti per il 2022-2023 che saranno per noi un po’ la lineup più grande mai vista in termini di premier mondiali e annunci. Quello che abbiamo davvero imparato l’anno scorso era che alla fine della fiera, sono davvero i giochi e i trailer che guidano lo spettacolo”.

Finalmente ce l’abbiamo fatta a renderci conto che uno spettacolo che premia i videogiochi dovrebbe concentrarsi sui videogiochi.

E a tal proposito Keighley ha anche annunciato che quest’anno in un modo o nell’altro ci saranno tra 40 e 50 giochi presentati. Giochi che, lui è convinto, siano solo la punta dell’iceberg per quello che riguarda le possibilità a livello di performance delle nuove PS5 e Xbox Serie X e infatti prosegue dicendo “Credo ancora che in realtà abbiamo più o meno appena toccato la superficie di quello che è possibile fare con PS5 e Xbox Series X, quindi sono convinto che durante lo spettacolo si vedranno alcune cose veramente sconvolgenti. Vedremo filmati di giochi che ricorderanno a tutti che il meglio dell’Industria deve ancora venire”.

Oltre ai videogiochi ai Game Awards ci viene assicurato vedremo anche cose un po’ meno legate ai videogiochi e premi per categorie diverse. E per Geoff Keighley c’è anche un luogo da esplorare e in cui raggiungere nuovi utenti: il metaverso. Dopo essere riuscito a rendere lo spettacolo visibile in posti come Cina e Russia manca infatti soltanto la realtà virtuale. E forse la SSI.

Leggi anche -> Sviluppatori di Fortnite si ribellano, caos in Epic Games

Leggi anche -> Skin di un amatissimo Anime presto in arrivo su Fortnite

Mentre aspettiamo quindi di vedere come saranno i prossimi Game Awards con i visori della realtà virtuale vediamo quello che succederà il prossimo 9 dicembre.