3 libri di Stephen King che sarebbero videogiochi perfetti

Con Halloween che si avvicina abbiamo provato a rispondere a una semplice domanda ovvero quali sono, tra i tanti, i tre romanzi scritti da Stephen King che potrebbero essere adattati senza troppo sforzo in videogiochi di successo.

L’ispirazione per questa domanda è venuta in realtà da una recente intervista in cui il grande scrittore ha voluto condividere con i fan di Netflix quale tra i suoi stessi romanzi lui vorrebbe veder trasformato in un film. La risposta del signore dei brividi è quanto mai particolare: Rose Madder, pubblicato nel 1995.

3 libri di Stephen King che sarebbero videogiochi perfetti
3 libri di Stephen King che sarebbero videogiochi perfetti (foto: youtube

Come giornalisti del settore forse non sarebbe stata la nostra prima scelta e, per questo, abbiamo provato a immaginare quali potrebbero invece essere dal punto di vista di un giocatore o di una giocatrice romanzi ideali per fare il salto.

Stephen King e i videogiochi, questi secondo noi i titoli promettenti

La produzione di King come creatore di mondi soprannaturali e distorti è pressoché sterminata. I più famosi sono per esempio Carrie,TheShining,IT,Misery,TheDarkTower,TheGreenMile. Potremmo andare avanti all’infinito. E in tutta questa sterminata produzione molte opere sono già state trasformate in film o serie TV più o meno di successo; basta ricordare il film con Jack Nicholson che ha portato sullo schermo litri e litri di sangue grazie all’immaginazione anche di Stanley Kubrick. E andando a guardare tra i prodotti più recenti, il Ciclo della Torre Nera che qualcuno ha provato a trasformare in serie TV senza però arrivare a niente di concreto. Le nostre scelte potrebbero sembrarvi anche blasfeme (e una vi sorprenderà forse) ma giuriamo di avere una motivazione per dirvi quello che stiamo per dirvi.

3 libri di Stephen King che sarebbero videogiochi perfetti
3 libri di Stephen King che sarebbero videogiochi perfetti (foto: youtube)

Perché un primo lavoro che probabilmente potrebbe lavorare anche molto bene come videogioco a nostro avviso è il racconto The Body, che tanti conoscono come base per il film culto degli Anni ‘80 Stand by me – Ricordo di un’estate. E nonostante sia un racconto dell’orrore, il genere che ci è venuto in mente per questo racconto è una avventura punta e clicca magari con alcune meccaniche simili a quelle che abbiamo avuto modo di vedere e di apprezzare in Beacon Pines.

Una seconda opera molto conosciuta e che ha buone chance di dare i brividi anche ai giocatori e alle giocatrici è proprio Rose Madder, 1995. Questo romanzo ha al centro, in una sorta di ritratto di Dorian Gray rivisto, un quadro che in qualche modo aiuta Rosie la protagonista a sopravvivere alla caccia spietata che il marito le sta dando. Con questo andare e venire tra il mondo reale e il mondo del quadro, anche Rose Madder sarebbe ottimo materiale per un titolo platform in cui, lasciandosi ispirare dalla Alice di American McGee, tirare fuori tutta la follia immaginabile.

Un terzo romanzo che potrebbe fare contenti i fan di prodotti come Silent Hill, ma anche Control, è probabilmente Carrie. Un romanzo che ruota intorno a una ragazza con poteri telecinetici è materiale ideale per qualunque amante dei titoli action. Immaginate le atmosfere che potrebbero uscire fuori con un giornalista che cerca di raccontare e poi vive la distruzione che Carrie White porta a Chamberlain.