Playstation denunciata, possibile class action: l’accusa è gravissima

Playstation denunciata, c’è la possibilità che i videogiocatori si uniscono in una class action perché delusi dall’azienda nipponica.

Malgrado ci sia tantissima passione, un amore strabordante e tantissime emozioni quando si parla di videogiochi, è comunque necessario, purtroppo, ricordare di tanto in tanto che si parla di “industria videoludica“. E questo significa che alla fine le logiche del mercato sono quelle che permeano il 99% delle scelte, delle strategie e dei prodotti che caratterizzano l’intera industria. Se un genere videoludico porta tantissimo denaro nelle tasche dei publisher, allora è probabile che copie più o meno ispirate spunteranno come funghi nei mesi successivi.

Playstation denunciata, possibile class action: l’accusa è gravissima

Ad esempio il genere più famoso dell’intero mondo dei videogiochi, gli sparatutto, continuano ad inondare il mercato con titoli sempre nuovi, che però soltanto poche volte sono veramente unici e memorabili. E proprio come qualsiasi altra azienda, se c’è un disservizio importante, i clienti, in questo caso i videogiocatori, possono farsi sentire e anche in modo piuttosto rumoroso qualora si sentano insoddisfatti del servizio. E oggi si parla di una possibile class action contro Playstation.

Class action aperta contro Playstation, l’accusa

A muovere l’accusa è una videogiocatrice tutt’altro che soddisfatta della propria esperienza con PS5, ovvero Christina Trejo. In seguito a dei problemi di crash della propria console, che di fatto non le stanno permettendo di giocare, la videogiocatrice ha compilato una denuncia contro Playstation, depositata poi su Top Class Action. Nella denuncia si specifica che sebbene PS5 possa essere utilizzata per molti scopi di intrattenimento, “La sua funzione principale è quella di giocare ai videogiochi”. Ed è per questo motivo che il difetto riscontrato è inaccettabile, secondo l’utente.

PS5

“Il difetto della console compromette la capacità di giocatori di giocare ai videogiochi e compromette la funzione principale e l’utilizzo complessivo della PS5, si legge nella denuncia. Non solo. Christina Trejo rincara la dose, affermando che Sony sappia di questo importante problema. “Nonostante sia a conoscenza del difetto della console, Playstation non ha comunicato, e continua a non farlo, il difetto ai consumatori prima dell’acquisto della PS5″. La denuncia è stata depositata lo scorso 12 luglio, si attendono altri giocatori scontenti per dare via ad una possibile class action. Sony non ha ancora rilasciato nessun commento. E’ probabile però che il procedimento non andrà molto avanti. Intanto c’è un grave problema per gli sviluppatori di The Last of Us.