RECENSIONE – DLC Eternal Duty di Warhammer 40K Chaos Gate Deamonhunters

Recensione del nuovo DLC di Warhammer 40K Chaos Gate Deamonhunters, chiamato Duty Eternal. Cosa aggiunge e vale la pena prenderlo?

In sede di recensione ho scritto di come mi sia piaciuto e anche parecchio il lavoro fatto dagli sviluppatori di Complex Games e dal publisher Frontier Foundry. Gli sviluppatori hanno rispettato al massimo una delle IP più famose e apprezzate del mondo, con una lore complessa e articolata in centinaia di libri, conosciuta a menadito da appassionati tra i più rigidi del mondo. Per questo motivo l’annuncio di un DLC ha immediatamente colto la mia attenzione, ancora di più quando ho ricevuto un codice per provarlo. Come se la cava Eternal Duty?

Warhammer 40000 Deamonhunters
RECENSIONE – Warhammer 40K Chaos Gate Deamonhunters: il DLC Duty Eternal

Una delle cose più piacevoli del nuovo DLC è che non richiede chissà quale complicata procedura per attivarsi, e nemmeno che ricominciate dall’inizio la vostra campagna nel caso aveste già iniziato a lottare contro Nurgle e i suoi “doni”. E ora c’è una nuova infezione che il demone sta guidando, la Tecnofagia, che attacca le macchine e che rischia di mettere in ginocchio l’Impero. Ora sarà nostro obiettivo anche mettere fine a questa pericolosissima piaga.

Warhammer 40K Chaos Gate Deamonhunters, cosa porta il DLC Eternal Duty

Una delle note positive del DLC in questione è che si adatta al giocatore, e non il contrario. Che si parta da zero o che si abbia un salvataggio a metà campagna, improvvisamente si riceverà una chiamata di aiuto urgentissima. Il messaggio arriverà da Dyronan IV. Qui una squadra di Cavalieri Grigi è in netta inferiorità numerica e sta per soccombere mentre combatte per eradicare la Tecnofagia di Nurgle. Unico sopravvissuto della battaglia è un venerabile Dreadnought, una delle più importanti macchine da guerra dell’Impero, nonché tra i più importanti simboli di Warhammer 40K. Questo enorme camminatore meccanico ha una potenza di fuoco importantissima e una corazza spessa. Non può ovviamente ripararsi come gli altri cavalieri e, anzi, fornisce copertura agli altri space marine. Se uno dei vostri cavalieri più importanti viene ferito gravemente sul campo, gli sviluppatori promettono che potrebbe essere scelto per subire l’operazione e trasformarsi in un Dreadnought.

Warhammer 40000 Techmarine
Warhammer 40000 Chaos Gate Deamonhunters Eternal Duty Techmarine

L’altra classe sbloccata dal DLC è il Techmarine. Esperti in tutto ciò che è meccanico, questi space marine hanno un arsenale molto potente, e permettono di schierare diversi servitor sul campi di battaglia. Esseri umani lobotomizzati e trasformati in corpi senza anima, queste truppe vengono pesantemente armate e vengono utilizzate dal Techmarine per attaccare i nemici. Un’altra aggiunta importante del DLC è la Fregata Gladius. Una piccola nave di scorta che accompagnerà l’Editto Funesto durante la sua campagna contro le forze di Nurgle. Il vascello può essere utilizzato per completare delle missioni vicine a dove siete stazionati, mandando una squadra di Cavalieri a completare delle missioni in modo solitario. Più complicata la missione, più alto il rischio, più importante la ricompensa.

Vale l’attenzione dell’Imperatore?

Il DLC aggiunge quindi nuove unità speciali, tantissime armi e potenziamenti con cui cambiare il loro apporto sul campo e nuove missioni speciali. Non parliamo certamente di una rivoluzione enorme, ma di un modo per ampliare quanto offerto dal titolo originale. Ancora una volta gli sviluppatori si confermano essere estremamente rispettosi della complessa lore dell’universo di Warhammer 40000.

Gladius di Warhammer 40000
Warhammer 40000 Chaos Gate Deamonhunters Eternal Duty Gladius

Purtroppo però il DLC non è sufficiente per spingere qualcuno che ha già finito più volte il titolo a tornare indietro e rigiocare il titolo, malgrado le aggiunte. Un’altra nota negativa è il fatto che il Dreadnought non possa essere utilizzato in tutte le missioni della campagna, ma solo nelle spedizioni in cui i Cavalieri Grigi si trovano a combattere contro la Tecnofagia. Peccato, sarebbe stato bello poter utilizzare il camminatore meccanizzato liberamente, con i giusti aggiustamenti alla difficoltà della missione in questione. Eternal Duty è quindi consigliato per chi sta comprando ora il gioco e per i fan irriducibili del gioco, ma potrebbe non essere abbastanza per chi ha già completato Deamonhunters e cerca novità enormi alla formula.

VOTO 6.5

PRO

  • Divertente guidare il Dreadnought sul campo
  • Sbizzarrirsi con i servitor del Techmarine
  • Con la Gladius possiamo controllare meglio la mappa stellare
  • Nuove armi e nemici

CONTRO

  • Non rivoluziona nulla
  • Dreadnought limitato solo ad alcune missioni
  • Si sarebbe potuto usare maggiormente