Steam accusata di monopolio, arriva la sentenza storica

Sentenza storica destinata probabilmente a risolvere tutte le possibili questioni future riguardo Steam e il suo monopolio per i prodotti per PC.

Steam accusata di monopolio, arriva la sentenza storica
Steam accusata di monopolio, arriva la sentenza storica (foto: youtube)

La sentenza nello specifico riguarda la causa aperta da quelli di Wolfire Games. Il team di sviluppo di Receiver e Overgrowth si era infatti rivolta all’Antitrust negli Stati Uniti per chiedere che le percentuali che Steam chiede agli sviluppatori venissero abbassate. La richiesta degli sviluppatori legava le percentuali a una fantomatica posizione di monopolio.

E la sentenza appena arrivata potrebbe mettere a tacere anche qualunque altra futura possibile richiesta da parte di altri sviluppatori. Ma a parte la sentenza di per sé, è interessante capire come l’Antitrust abbia percepito Steam come piattaforma e Steam come rivenditore.

Steam, non c’è monopolio e il 30% è giusto

Steam accusata di monopolio, arriva la sentenza storica
Steam accusata di monopolio, arriva la sentenza storica (foto: youtube)

La sentenza, che se volete vi lasciamo linkata qui nella sua interezza, in pratica dichiara che la Corte non percepisce lo Store di Steam e la piattaforma di Steam come prodotti separati. Questo perché, riassumendo il paragrafo relativo, una volta fatto l’acquisto c’è bisogno di una chiave che funziona solo su Steam per poter giocare e quindi le due entità sono in realtà una cosa sola.

Andando poi a parlare della percentuale, altra cosa di cui quelli di Wolfire Games lamentavano, la Corte ha stabilito che una percentuale del 30% sulle vendite non è ingiusta semplicemente, si fa per dire, perché altre piattaforme che chiedevano meno del 30% sono fallite. Il paragrafo tra l’altro riconosce il valore che la piattaforma Steam ha per i publisher di videogiochi e quindi ritiene corretto chiedere il 30%.

È stata anche rigettata l’idea che questa percentuale riduca il numero dei giochi pubblicati. Nella questione specifica la Corte ritiene anche che Wolfire Games non sia riuscita a chiarire effettivamente in che modo le pratiche di Valve su Steam abbiano influenzato negativamente le performance dei suoi titoli né come il review bombing abbia avuto gli stessi risultati.

Leggi anche -> Arcane è un successo, vedremo molti più videogiochi su Netflix

Leggi anche -> Nuova serie Netflix sui videogiochi in arrivo: data e trailer – VIDEO

Unico spiraglio ancora aperto per Wolfire Games e chiunque voglia mettersi contro Steam a questo punto è il fatto che la sentenza non ha la pregiudiziale. Questo significa che, nel caso in cui Wolfire Games riuscisse ad avere prove sufficienti e sufficientemente chiare per provare quello che voleva all’inizio, la questione potrebbe essere riesaminata. Per ora però è stato stabilito il principio secondo cui Steam non è una piattaforma ingiusta nei confronti degli sviluppatori.

Impostazioni privacy