Steam cancella famoso videogioco, il motivo è molto grave

Steam, piattaforma famosa per la sua politica in generale molto permissiva, ha deciso di eliminare del tutto un videogioco. Il motivo? Il team di sviluppo è una tendenza un po’ troppo spiccata a non saper tenere la bocca chiusa.

Premesso che continuiamo a pensare che certi pensieri non dovrebbero essere neanche formulati da chi si ritiene un essere in grado di usare il cervello, un po’ di furbizia non guasterebbe. Ma si sa, certe persone erano in fila per i tacos quando si distribuiva non solo l’intelligenza ma anche il buon senso.

Steam cancella famoso videogioco, il motivo è molto grave
Steam cancella famoso videogioco, il motivo è molto grave (foto: Youtube)

E non ce ne vogliano i produttori i tacos ma non si spiega altrimenti la storia che nella sua ultima puntata ha legato una delle streamer più famose del mondo e uno dei developer meno sopportati del pianeta.

Su Steam si può dire (quasi) tutto, ed è giusto così

La piattaforma di Valve i è resa a volte palcoscenico involontario di uscite poco felici ma di solito Steam non ha mai preso provvedimenti definitivi. Stavolta quindi qualcuno, nello specifico Nicholas J. Leonhard Gorissen, deve aver superato anche l’ultima linea di sopportazione.

Steam cancella famoso videogioco, il motivo è molto grave
Steam cancella famoso videogioco, il motivo è molto grave (foto: Youtube)

Il developer, famoso nella community per il suo modo di fare strafottente e corrosivo con giocatori e giornalisti del settori, non ha mai nascosto i suoi pensieri da estrema destra conservatrice e omofoba e nel suo gioco si è più volte lasciato andare a critiche e vaneggiamenti riguardo la pandemia, la community LGBTQA+ e altri argomenti molto sensibili. L’ultima vittima delle sue sconclusionate teorie è stata Keffals, nota streamer oggetto di molestie da parte della stessa ala conservatrice e omofoba e che ora vive nascosta.

Il developer di Domina non si è arreso all’evidenza e anzi ha ribattuto, utilizzando una nota piattaforma omofoba e transfobica, che è Steam a perderci ora che il suo gioco è stato eliminato dopo aver “portato milioni di guadagni mentre i suoi (di Gabe Newell) team di moderazione e VP gli costeranno milioni in busta paga“. Il gioco e il suo developer non esistono più su Steam tranne che sotto forma di link diretto e la pagina di Dolphin Barn Inc, il nome del team di sviluppo di Gorissen, non esiste più.