Sviluppatore di Destiny vi chiede di distruggere i vostri dischi

Grossi problemi per un membro del team che ha lavorato a Destiny che con un video su YouTube ha chiesto pubblicamente di distruggere alcuni CD.

Sviluppatore di Destiny vi chiede di distruggere i vostri dischi
Sviluppatore di Destiny vi chiede di distruggere i vostri dischi (foto: Bungie)

Sembra una storia folle ma Marty O’Donnell, ex audio director di Bungie che ci ha dato la colonna sonora di alcuni capitoli di Halo, è stato in pratica costretto a registrare un video che adesso è in rete, con il quale chiede a chiunque stia distribuendo o detenga la musica da lui distribuito online di distruggere tutto.

La spiegazione di questa richiesta strana è che il compositore da diversi anni non ha più i diritti sulla musica composta e quindi non ha il diritto di distribuirla. Sembrerebbe una cosa brutta ma O’Donnel non è un santo. Questo è quello che è successo.

Marty O’Donnell ” Destiny appartiene a Bungie e non a me”

La storia che vede protagonista Marty O’Donnell, ex membro di Bungie , risale in realtà al 2010. In quell’anno il team di sviluppo e Microsoft decisero di separarsi e Bungie siglò un accordo con Activision proprio per Destiny. A Marty O’Donnell fu chiesto quindi di creare una colonna sonora che potesse supportare tutta la serie, senza perdere tempo a creare pezzi per ogni singolo capitolo. La musica però poi non fu utilizzata.

Nel 2014 dopo diverse scaramucce legali tra compositore e team, O’Donnell fu licenziato e ne scaturì un’altra causa legale. Da questa causa legale si stabilì il principio che O’Donnel avrebbe dovuto restituire tutto il materiale di cui era entrato in possesso e che aveva prodotto per Destiny.

In aperta violazione di questa sentenza, il compositore aveva cominciato nel 2019 invece a pubblicare clip audio della famosa colonna sonora che non era stata più utilizzata accompagnata da asset del gioco. Il che aveva scatenato di nuovo gli avvocati di Bungie e ci ha portato al video che è stato accompagnato, così si dice, da centomila dollari da pagare a Bungie.

In effetti la reputazione di Marty O’Donnell non è del tutto immacolata, anzi negli anni si sono accumulate storie che lo riguardano e che hanno come filo conduttore i comportamenti di una personalità affetta probabilmente da megalomania e con la spiccata tendenza a trattare male chiunque si sia trovato a lavorare con lui.

Leggi anche -> Arcane è un successo, vedremo molti più videogiochi su Netflix

Leggi anche -> Nuova serie Netflix sui videogiochi in arrivo: data e trailer – VIDEO

Il video che è stato costretto da un ingiunzione del tribunale a pubblicare su YouTube dovrebbe quindi essere l’ultimo capitolo in questa triste storia.

Impostazioni privacy