Truffe nel Metaverso, arriva l’allarme nazionale

Che il metaverso possa non essere proprio quell’isola felice che tanti immaginano in cui con il nostro avatar possiamo vivere la vita che abbiamo sempre sognato è un dato di fatto. Ma adesso da alcune agenzie governative arriva un allarme riguardo possibili tentativi di truffe.

A lanciare l’allarme sono state le autorità cinesi che hanno definito il metaverso “attraente e ingannevole”, un luogo in cui gli utenti rischiano di perdere anche grandi somme di denaro se non vengono adeguatamente educati a riconoscere i rischi.

Truffe nel Metaverso, arriva l'allarme nazionale
Truffe nel Metaverso, arriva l’allarme nazionale (foto: Pexels)

Non è la prima volta che le autorità cinesi se la prendono con le novità tecnologiche. Prima era toccato infatti alle criptovalute e alle attività connesse, il mining e la compravendita. Ora tocca ovviamente al metaverso. Per adesso si tratta solo di un allarme lanciato dalla commissione che regolamenta le assicurazioni e le banche in Cina ma, come abbiamo già visto in passato, si fa presto a passare da un semplice warning ad una messa al bando.

Cina VS il metaverso, un covo di truffatori

Che il governo cinese cerchi in tutti i modi di “proteggere” il proprio popolo da tutto ciò che di male può venire dalla rete è un dato di fatto ineluttabile. Che alcune volte questa volontà di protezione dei propri cittadini sembri in particolare a noi occidentali assurda è un altro dato di fatto. Basta ricordare le nuove regolamentazioni che obbligano gli sviluppatori di videogiochi che desiderano diffondere i propri prodotti in Cina ad avere personaggi vestiti in un certo modo.

Leggi anche -> Creare il logo di Street Fighter 6 costa pochissimo su Adobe

Truffe nel Metaverso, arriva l'allarme nazionale
Truffe nel Metaverso, arriva l’allarme nazionale (foto: Pexels)

È stato il caso per esempio di MiHoYo che dentro Genshin Impact ha dovuto rivedere e correggere i costumi di 4 personaggi rendendoli facoltativi per tutto il mondo e unica opzione possibile per il mercato cinese. Ma, a quanto pare, se le criptovalute sono state messe al bando in Cina, la stessa cosa ancora non è successa con il metaverso e con i Non Fungible Token. Motivo per cui per esempio i grandi colossi cinesi come Tencent stanno mettendo su i propri progetti.

Leggi anche -> Destiny 2, Regina dei Sussurri sarà: “Come The Mandalorian”

Questo però non ha fermato la commissione che si occupa delle banche e delle assicurazioni dal produrre un warning indirizzato ai cittadini contro i possibili progetti fraudolenti che possono nascere nel metaverso. In realtà si tratta di un allarme che non dovremmo sottovalutare dato che già più di una volta sono saltati fuori progetti falsi nel metaverso o proprio progetti falsi di metaverso, che hanno portato nelle tasche di truffatori migliaia di dollari o di criptovaluta con cui sono poi spariti nel nulla. Interessante notare come tra i possibili progetti dei truffatori ci siano anche i play to earn che potrebbero essere utilizzati di nuovo per convincere i giocatori a comprare con soldi veri oggetti di un gioco che in realtà non esiste.

Come ogni nuova tecnologia anche il metaverso diventerà un luogo sicuro o una selva di malfattori in base a chi lo colonizzerà.