Week end nero per DAZN, la Serie A chiede garanzie in vista del prossimo anno

Diversi disservizi questo week end per DAZN, con la Lega di Serie A che chiede garanzie in vista dell’esclusiva della prossima stagione.

dazn
Week end nero per la piattaforma (fonte: YouTube).

Come ormai ben sappiamo, DAZN si è aggiudicato i diritti per la trasmissione in streaming di tutte le partite; almeno al momento quindi, i tifosi potranno vedere le partite del prossimo Campionato con un solo abbonamento, dopo lo “spezzatino” degli ultimi anni.

Forse anche per mantenere quest’ultima condizione, DAZN non ha al momento nessuna intenzione di trovare un accordo con Sky per la divisione dei diritti; ma, allo stesso tempo, questo week end pieno di disservizi ha fatto tremare i vertici della piattaforma, con la Lega Calcio che ha alzato la voce chiedendo garanzie.

Leggi anche –> Evangelion 3.0 + 1.0, i luoghi che hanno ispirato il film

DAZN, week end nero: disservizi con Inter-Cagliari e Verona-Lazio

dazn
Schermata d’errore (fonte: YouTube).

Le due partite di quest’ultima giornata, Inter-Cagliari e Verona-Lazio, sono state trasmesse dalla piattaforma streaming, con diversi problemi che hanno fatto infuriare gli spettatori sul web; DAZN ha garantito un rimborso, ma il problema sembra comunque più grande e ci sono perplessità sul servizio, in vista del prossimo anno.

I vertici della Lega Calcio hanno chiesto spiegazioni, col problema identificato nel crollo di un datacenter a Francoforte; diversi club hanno chiesto alla piattaforma streaming di valutare, in vista del prossimo anno, opzioni alternative in caso di disservizi, e resta viva l’ipotesi della creazione di un canale d’emergenza (legato all’abbonamento sottoscritto) sul digitale terrestre.

Leggi anche –> LOL – Chi ride è fuori, Luca Ward nella seconda stagione?

Al momento dunque, la situazione sembra non essere cambiata, ma visti i milioni in ballo DAZN dovrà sicuramente curare tutto nei minimi dettagli per le partite del prossimo anno; il minimo errore sarebbe fatale e non più perdonato né dai club né tanto meno (e soprattutto) dagli abbonati.

La console Sony (fonte: YouTube).
Impostazioni privacy