CEO di Playstation sogna un modello in stile Game Pass

Il CEO di Playstation Jim Ryan ha parlato del futuro dell’azienda, e nelle sue parole si intravede un progetto in stile Game Pass.

Esclusive Playstation

Playstation è senza dubbio tra i più grandi marchi esistenti nel mondo, tra i primissimi nell’ambito dell’intrattenimento. Sono decenni che Playstation detta le regole in ambito videoludico, che domina insieme ad Xbox. E per questo motivo le decisioni che prende un’azienda di questo livello non possono che essere estremamente importanti.

Non solo perché il loro impatto interessa milioni e milioni di utenti, di giocatori, ma anche il futuro dell’intera industria dei videogiochi, che ne risente e che cambia. In questo senso, dalle parole del CEO di Playstation Jim Ryan, si intravede un modello senza dubbio rivoluzionario, che prende come modello il Game Pass di Xbox, attualmente il miglior abbonamento esistente nell’ambito del gaming. Parliamo di un abbonamento che per una cifra estremamente modica permette di giocare a tantissimi titoli, anche in streaming con Xcloud.

CEO di Playstation vorrebbe un mondo senza limitazioni hardware

PS5 con lettore e digital

In una lunga intervista, il numero uno di Playstation ha condiviso qual è la sua visione per il futuro. “Con un successo nella vendita di console, come sta accadendo con PS5, parliamo di far arrivare un gioco a 10, 20 milioni di persone”, ha affermato il dirigente. Ma in tal senso “Stiamo limitando le opere d’arte che vengono create dai Playstation Studios a questi 10, 20 milioni di persone che hanno l’hardware”. In tal senso, parlando del futuro, Ryan ha affermato che “mi piacerebbe vedere un mondo dove centinaia di milioni di persone possano giocare i videogiochi Playstation”.

Leggi anche -> Elden Ring non vi dirà mai dove andare e non sarà difficilissimo

Leggi anche -> Sviluppatori di esclusiva Xbox in Scozia per urlare: il motivo – VIDEO

Parliamo quindi di una smaterializzazione che è più vicina ad Xbox e al suo Game Pass, a cui si può accedere anche senza avere una console. Che la prossima generazione di videogiochi sia tutta legata allo streaming?