Cyberpunk 2077, mod aggiunge un importante elemento al gioco

Un’altra volta in soccorso di Cyberpunk 2077 e per rimediare al papocchio prodotto da CD Projekt Red sono arrivati i modder per esaudire quella che in realtà era stata una promessa proprio del developer polacco.

Cyberpunk 2077, mod aggiunge un importante elemento al gioco
Cyberpunk 2077, mod aggiunge un importante elemento al gioco (foto CDPR)

Ormai lo sanno pure le pietre, Cyberpunk 2077 è uscito troppo presto, in fretta e male, il suo team di sviluppo probabilmente sperava di poterla fare franca capitalizzando sul successo di The Witcher. E per un po’ ci sono riusciti, almeno fino a quando i giocatori non hanno effettivamente iniziato a giocare e hanno scoperto che il gioco aveva più buchi di un groviera stagionato.

Adesso, mentre CD ProjeKt Red pubblicamente dichiara di aver chiuso la questione della Class Action ( pagando una ricca cifra) per sistemare un altro degli aspetti rotti del gioco che da famoso team li ha trasformati in team famigerato sono tornati i modder.

Cyberpunk 2077, grazie a un modder tutti in carrozza

Cyberpunk 2077, mod aggiunge un importante elemento al gioco
Cyberpunk 2077, mod aggiunge un importante elemento al gioco (foto: CDPR)

In uno dei loro voli pindarici, quelli di CD Projekt Red avevano promesso che Night City sarebbe stata visitabile anche in metropolitana. Sappiamo tutti che questa metropolitana non è mai entrata in funzione e, benché qui in Italia non sia qualcosa di sconvolgente, è chiaro che in un videogioco a tema fantascientifico l’idea che una città non abbia un sistema di metropolitana funzionante deve essere sembrato assurdo a molti.

Ed è qui che entra in scena un nuovo modder che si è rimboccato le maniche e ha finalmente dato a Night City il suo sistema di metropolitane. Ci sono ben 19 stazioni funzionanti e il sistema della metropolitana è perfettamente integrato nell’interfaccia utente di gioco. È ideale per chi vuole esplorare la città senza fretta ed è addirittura possibile scegliere tra una visuale in terza persona e quella in prima persona dai finestrini. Ci sembra un po’ assurdo che un modder sia la soluzione a una funzione che il team di sviluppo del gioco originale aveva dovuto togliere ma è probabilmente l’ennesima dimostrazione che davvero a Cyberpunk 2077 sarebbero bastati altri cinque o sei mesi di sviluppo fatti come si deve per non trasformarsi in un meme.

Leggi anche -> Battlefield 2042, a marzo un evento incredibile: il leak

Leggi anche -> Microsoft regala 5 mesi di Xbox Game Pass, ecco cosa serve

Tra l’altro, ma questo è un nostro pensiero, sarebbe forse ora che CD Projekt Red controllasse tutte le mod che sono state aggiunte al suo gioco e desse a chi sta tenendo in piedi quel mondo videoludico il giusto riconoscimento di bco-sviluppatori. Eh sì, anche a quelli che avevano creato la mod per fare sesso con il personaggio di Keanu Reeves, visto che a lui la cosa non dispiace.