Ex sviluppatore Ubisoft licenziato lavora ad un nuovo grande progetto

Uno dei pezzi grossi più famosi di Ubisoft non molto tempo fa è stato licenziato a seguito di alcuni comportamenti che sono stati investigati e giudicati non adatti alla società. Ma la sua carriera è tutt’altro che finita.

La notizia è particolarmente interessante perché riguarda uno degli sviluppatori che hanno contribuito a creare il franchise di Assassin’s Creed per poi essere licenziato nell’estate del 2020. La nuova società per cui lavora continua ad occuparsi di videogiochi e la posizione che ricopre è quella di direttore creativo consulente.

Ex sviluppatore Ubisoft licenziato lavora ad un nuovo grande progetto
Ex sviluppatore Ubisoft licenziato lavora ad un nuovo grande progetto (foto: Youtube)

Ad essersi accaparrati i servizi, anche se in qualità di consulente, del noto sviluppatore è il gigante cinese Tencent che lo ha messo a lavorare insieme allo studio interno di sviluppo TiMi, il cui titolo più recente è Honor of Kings.

Da Ubisoft ai giochi per smartphone? La nuova vita di Ashraf Ismail

Ashraf Ismail è legato indissolubilmente ad Ubisoft per aver contribuito alla creazione della serie Assassin’s Creed. A metà del 2020, però, è stato accusato di comportamenti inappropriati sul posto di lavoro e la società ha quindi deciso di cacciarlo.

Ex sviluppatore Ubisoft licenziato lavora ad un nuovo grande progetto
Ex sviluppatore Ubisoft licenziato lavora ad un nuovo grande progetto (foto: Youtube)

Per un po’, del famoso de vero per non se ne saputo più nulla ma ora il suo nome riemerge collegato proprio ai cinesi di Tencent che nell’ultimo periodo hanno fatto incetta di membri Ubisoft Montreal con diversi ex colleghi proprio d Ismail.

Il lavoro che il developer sta facendo riguarda la direzione creativa in supporto al lavoro del team di sviluppo interno TiMi. Il lavoro svolto da da questo team di sviluppo riguarda ovviamente i videogiochi per smartphone e comprende non solo quello che molti pensano sia il nuovo League of Legends, Honor of Kings, ma anche Call of Duty mobile.

Alcune dichiarazioni rilasciate ai colleghi di Axios da un rappresentante di Tencent sottolineano la professionalità e la “voglia di imparare e crescere sia come membro del team sia come persona” dimostrati da Ismail.

Con le grandi ambizioni che nelle ultime settimane e negli ultimi mesi il colosso cinese ha dichiarato apertamente di voler soddisfare, soprattutto portando il livello dei propri giochi mobile a quello dei tripla A per console, la decisione di aggiungere un nome di peso come quello del Game director di Assassin’s Creed Valhalla va proprio nella direzione di un respiro più ampio ai prossimi progetti.

 

Impostazioni privacy