I Griffin accusati di blasfemia da Pillon: esposto ad AGCOM

I Griffin, storica serie animata statunitense Fox, accusata di blasfemia dal senatore della Lega Nord Simone Pillon; la polemica.

griffin pillon
Un’immagine dall’episodio de I Griffin attaccato (fonte: YouTUbe).

Gli esponenti della Lega Nord tornano al centro di polemiche riguardanti la religione cristiana. È ben noto ormai il tentativo del partito guidato da Matteo Salvini di avvicinarsi agli elettori “conservatori” del nostro paese, e dunque la difesa della religione cristiana diventa in questo senso una priorità assoluta per alcuni politi del carroccio, come Simone Pillon.

Il senatore, con un post su Facebook (che potete trovare in fondo all’articolo), ha attaccato duramente un episodio dei Griffin nel quale c’è un evidente satira nei confronti della religione cristiana, dichiarando di aver presentato insieme a Roberto Calderoli e Belotti, un esposto all’AGCOM per l’episodio in questione.

Leggi anche –> Unreal Life vince il New Face Award ai 24esimi Japanese Media Arts Awards

I Griffin accusati di blasfema da Pillon

griffin pillon
Il senatore Pillon (fonte: YouTube).

Ovviamente, il post su Facebook ha suscitato diverse critiche e riacceso una vecchia polemica: si può fare satira di una religione? Dove inizia la libertà di un individuo e finisce quella dell’altro?  La satira in questione non impedisce ai cristiani di praticare la loro religione, ma fa semplicemente satira su un qualcosa che può essere condiviso (essendo cristiani) o meno.

Lo Stato Italiano è, in teoria, laico.  Ancora oggi però troviamo insito nella nostra società un retaggio culturale antico che collega la blasfemia ad una sorta di comportamento socialmente e moralmente scorretto; un esempio recente lo abbiamo trovato nel mondo del Calcio, dove allenatori o calciatori vengono magari “incastrati” dalla prova tv e puniti (con giornate di squalifiche) per imprecazioni.

Leggi anche –> Human Fall Flat aggiunge due nuovi livelli per la versione per dispositivi mobili

Imprecare contro il Dio della fede cristiana viene associato ancora ad una sorta di maleducazione, mentre invece farlo magari contro Buddha o qualsiasi altra religione che non ci appartiene culturalmente, viene considerata spiritosaggine o semplice linguaggio “colorito”. Ciò che resta certo è che Pillon è pronto a dare battaglia e le polemiche, di certo, non cesseranno.

LINK UTILI

Sono contento che l’amico Roberto Calderoli, col collega della Camera Belotti, abbiano presentato un esposto ad AGCOM…

Pubblicato da Simone Pillon su Domenica 14 marzo 2021