Halo Infinite, 343 si scusa per una skin offensiva: cambiato il nome

Una skin in particolare di Halo Infinite ha infiammato il web. 343 decide di porgere le sue scuse, non aveva intenzione di offendere nessuno 

Nel corso delle ultime ore 343 Industries ha pubblicato una nuova skin all’interno di Halo Infinite, un qualcosa fatto per celebrare il Juneteenth. Si tratta di quella festa che, negli Stati Uniti, è famosa per sottolineare l’importanza della liberazione degli schiavi.

Halo Infinite 343 si scusa per una skin offensiva
Halo Infinite 343 si scusa per una skin offensiva (fonte 343 industries)

Si tratta di un cosmetico il cui nome proviene direttamente da una scimmia. Immediatamente il web ha iniziato a parlare di questa pubblicazione così particolare, al punto che un utente su Reddit ha sollevato una questione particolare. Il suo nome è Smissmass, il quale ha persino pubblicato il nome di quella tavolozza che ha fatto nascere le polemiche in questione. Una grande novità sta arrivando sul gioco per accontentare i giocatori.

Arrivano le scuse da 343 per la skin di Halo Infinite

Leggete l’opinione del creatore del franchise riguardo la serie tv. Sulla situazione della skin ha voluto esprimere il suo pensiero anche il capo di 343 Industries, Bonnie Ross, e per farlo sceglie il social network Twitter. Egli afferma di essere stato informato della presenza di un’opzione per la tavolozza pubblicata in occasione del Juneteenth, al cui interno era presente una parola offensiva. Stiamo parlando di quella denominata “bonobo” che in un secondo momento ha cambiato poi in libertà. Una situazione a cui ha cercato subito di porre rimedio, dando così disposizioni al team di eseguire un aggiornamento. “Siamo uno studio e un franchise impegnato nell’inclusività in cui tutti sono i benvenuti e supportati per essere il loro vero sé. A nome di 343, mi scuso per aver reso un momento doloroso un momento celebrato”.

Halo Infinite 343 si scusa per una skin offensiva
Halo Infinite 343 si scusa per una skin offensiva (fonte gamesindustry)

Nonostante questo problema, Ross non ha rilasciato chissà quanti dettagli riguardo alla tavolozza incriminata, e a come questa sia stata resa pubblica. A raccontare qualcosa in più ci ha pensato il community manager di 343 Industries, John Junyszek, sempre attraverso un post su Twitter. Afferma che, anche se il nome originale fa riferimento ad un set di strumenti interno, questo non doveva essere in nessun modo associato al contenuto in questione.

Ammette quindi che l’azienda ha sbagliato e che questo errore potrebbe aver provocato alcuni danni. In ogni caso la tavolozza in questione ha cambiato nome, così che gli utenti non possano più sentirsi offesi da tutto ciò.