Moto Edge 40 Pro emergono i primi dettagli del prossimo capolavoro di fascia alta

Con un design definito “idrorepellente”, resistente ad acqua e polvere in base allo standard IP68, il nuovo Moto Edge 40 Pro di Motorola é stato appellato dal General Manager del gruppo Lenovo, Chen Jin, il “SUV” degli smartphones. L’ingresso sul mercato é previsto per questo mese di Dicembre. Scopriamo tutti i dettagli.

Nuovo Moto Edge 40 Pro VideoGiochi.com 2 Dicembre 2022
Fonte: motorola.it – VideoGiochi.com

Il SUV degli smartphones: così lo ha definito Chen Jin, General Manager del gruppo Lenovo, per enfatizzare l’aspetto relativo alla resistenza del dispositivo alla polvere ed all’acqua. Inizialmente definito uno smartphone con design “idrorepellente”, é stata poi confermata la certificazione IP68, la più alta che oggi si possa ottenere per uno smartphone.

La IP 68, infatti, certifica due aspetti: il primo riguarda la resistenza alle immersioni permanenti in acqua ad almeno un meno di profondità; il secondo assicura che lo smartphone garantisce una schermatura e protezione totale contro l’ingresso di polveri all’interno del dispositivo, che potrebbero danneggiarne le componenti ed i circuiti.

Ed ecco dunque il perché del soprannome SUV affibiato allo smartphone da parte di Jin. Occorre però considerare attentamente alcuni aspetti: senz’altro il nickname dato al Moto Edge 40 Pro di Motorola dal General Manager di Lenovo é efficace, rende bene l’idea e valorizza l’eccellente risultato raggiunto di ottenere la certificazione più alta del settore. Ma, per quanto possa risultare ovvio, ricordiamo che non ha 7 (o 9) vite come i gatti.

Le accortezze di utilizzo consigliate per non rischiare di danneggiare il dispositivo

Moto Edge 40 Pro VideoGiochi.com 2 Dicembre 2022
Fonte: motorola.it – VideoGiochi.com

Dunque senz’altro il nuovo “SUV” di Motorola é stato progettato per garantire un’ottima resistenza, tanto agli urti quanto agli agenti esterni di polveri e di acqua. Ma dobbiamo comunque ricordare che non é un dispositivo subacqueo: l’acqua salata di mare, fluidi densi e forti getti d’acqua potrebbero danneggiarlo, soprattutto con il passare del tempo e con l’incedere dell’usura.

Così come ambienti particolarmente polverosi, come quelli lavorativi di falegnamerie, cantieri e simili, potrebbero rilevarsi determinanti per l’insorgenza di malfuzionamenti, soprattutto, é bene ripetere, nell’ottica dell’“invecchiamento” naturale del dispositivo, considerato un principio cardine a questo proposito secondo cui la capacità di resistenza dei dispositivi é inversamente proporzionale alla loro età.

Da ultimo, altro dettaglio fondamentale e da non trascurare: i produttori non contemplano nella garanzia dei propri smartphones i danni causati da polvere e liquidi. Per cui poco male se sul nuovo Edge 40 Pro di Motorola verseremo accidentalmente un bicchiere d’acqua, o se scatteremo una foto immergendolo per qualche istante in un fiume. Ma non portatelo con voi a fare sub o motocross.