Rimborso ai videogiocatori, 1.3 milioni saranno restituiti a tutti

A seguito di una serie di video denuncia uno degli streamer più famosi del pianeta si è trovato al centro di una polemica che ha come oggetto un videogioco. E ora è stato annunciato un rimborso ma senza reali ammissioni di sorta.

La situazione che riguarda i videogiochi legati al mondo degli NFT è una situazione che potremmo definire ancora particolarmente liquida. La tecnologia dei Non Fungible Token, che sfruttano la blockchain per creare oggetti digitali unici e irripetibili, è ancora forse troppo poco matura per riuscire a tenersi alla larga dalle truffe o in generale da costruzioni poco chiare. E una costruzione che sembra essere decisamente poco chiara è quella che ha coinvolto uno degli streamer più famosi del momento.

rimborso giocatori truffa
Giocatore (videogiochi.com)

Avevamo già parlato del gioco NFT pubblicizzato da Logan Paul, CryptoZoo, e soprattutto dell’inchiesta sotto forma di video YouTube portata avanti da CoffeeZilla in cui il gioco pubblicizzato dal wrestler e personaggio di internet era stato etichettato come una truffa bella e buona. La prima reazione dello streamer ai video era stata abbastanza veemente con l’etichetta a CoffeeZilla di criminale“. Adesso Logan Paul sembra però passato a vedere le cose in maniera diversa.

Rimborso ai videogiocatori scontenti, svolta nel caso CryptoZoo

A cavallo tra la fine dell’anno scorso e i primi giorni di questo 2023 lo youtuber d’assalto Stephen “Coffeezilla” Findeisen aveva messo nel mirino Logan Paul e il suo gioco a base di NFT CryptoZoo. CoffeeZilla aveva definito il progetto una truffa in cui molti utenti avevano investito, e quindi perso, già diversi milioni di dollari per un prodotto non ancora uscito. A questi video Logan Paul aveva risposto a sua volta accusando CoffeeZilla di essere un giornalista senza integrità. Ma nel lanciarsi contro CoffeeZilla era poi saltato fuori che lo stesso Logan Paul in pratica stava lavorando con tale Eddy Ibanez, che a quanto pare sarebbe un noto truffatore che a sua volta avrebbe proposto allo youtuber di far lavorare al gioco un developer con due accuse di furto e un’altra per ostruzione sulle spalle.

logan paul truffa cryptozoo
Logan Paul (videogiochi.com)

Ma se ora provate a cercare quel video sull’account YouTube di Logan Paul non lo troverete. Lo youtuber infatti lo ha sostituito con un altro in cui ha cambiato palesemente tono e in cui chiede anche scusa a CoffeeZilla per averlo chiamato criminale. Il video contiene anche una dichiarazione secondo cui Logan Paul è pronto a dare 1,3 milioni di dollari a quei giocatori che vogliono indietro i soldi investiti nel videogioco e non ne sono contenti.

Forse le scuse non basteranno

Twitter, dove il video è stato pubblicato ed ha al momento oltre 2 milioni di visualizzazioni, tanti stanno sottolineando come nel messaggio non ci siano delle reali scuse mentre molti altri plaudono alla volontà di ripagare chi vuole lasciare CryptoZoo usando i propri soldi. Nel mezzo chi sottolinea che forse non si sarebbe dovuti arrivare ad avere un documentario su YouTube in tre parti per smuovere qualcosa.