Sito per adulti sfida Twitch: “Le attrici potranno streammare giochi”

Una sfida aperta a Twitch per lo streaming di giochi. Su un noto sito per adulti ora le attrici possono streammare

twitch
sito per adulti sfida twitch con lo streaming dei videogiochi delle attrici (fonte pixabay)

Da poco è arrivato un annuncio da parte di un il sito di cam per adulti dal vivo che sfida apertamente Twitch. Sembra che da poche ore, all’interno della sua piattaforma streaming, sia possibile trovare dei videogiochi pre-approvati. Inoltre il loro intento è quello di chiedere di aggiungere altri titoli, ma per questa fase c’è bisogno dell’autorizzazione degli sviluppatori degli stessi. Nei giochi attualmente approvati, le funzioni che predominano maggiormente sono quelle riguardanti i giochi per adulti.

Inoltre è supportato anche un gioco sportivo che segue uno stile arcade. Questo prende il nome di Log Jammers, un titolo che lo scorso anno è arrivato su Steam in Early Access. Molti sono gli sviluppatori che hanno già fatto sapere la propria decisione riguardo l’annuncio che arriva dal sito postato su Twitter. Afferma che ha intenzione di inserire anche dei propri giochi, tra cui un titolo per adulti che prende il nome di SpunkStock.

Il sito per adulti che sfida Twitch nello streaming

Questo è affiancato dal platform d’azione Future Fragments. Visto che Twitch è una piattaforma con molte restrizioni sui giochi in streaming, all’interno dei quali trovare contenuti a sfondo erotico, il sito in questione Chaturbate potrebbe essere il mezzo di diffusione giusto per i vari sviluppatori. Prima dell’aggiornamento in questione, tutti coloro che erano registrati a Chaturbate erano oggetto di ammonizione quando aggiungevano contenuti di videogiochi esterni.

Leggi anche -> Panico su Twitch, forze speciali irrompono in live: “Ma che ca**o!” – VIDEO

Leggi anche -> Dr Disrespect denuncia Twitch dopo il ban: “Gli faremo il c**o!”

Questo in quanto andavano ad inserire contenuti di terze parti. Forse perché Chaturbate non era intenzionata a mettersi contro le grandi società di videogiochi ed a competere con loro. Probabilmente in quanto i loro titoli venivano mostrati nella stessa piattaforma dove non mancano delle nudità. Attraverso ciò che è stato approvato ora, però, il problema non sorge più a questo punto.