Ecco Vengeance is Mine, enormi mecha cercano vendetta – VIDEO

Vengeance is Mine promette veramente bene. Dovrai attingere a tutte le tue forze e capacità per riuscire ad avere la meglio  

vengeance is mine
vengeance is mine, in arrivo lo scontro tra mech (fonte YouTube)

Un nuovo progetto targato 110 Industries sta per vedere la luce. Un breve teaser mostra ciò che ha voluto mettere sul piatto lo studio di sviluppo. Le aspettative sono molto alte, già dai primi minuti del video, la qualità appare eccelsa ma cosa si nasconde dietro questo nuovo gioco del team. Facciamo luce su ciò che sappiamo di Vengeance is Mine.

Sebbene non si conosce ancora la data precisa del rilascio del titolo, il team di sviluppo ha affermato che il lancio è prefissato per l’anno 2023. Di sicuro è un gioco in stile action destinato a tutte le piattaforme di gaming. Siamo parlando quindi di PS5, PC e Xbox Series X/S. Pertanto, l’idea di avere sotto le mani presto un nuovo titolo che sfrutta tutta la potenza della next-gen, può solo farci che sorridere.

Vengeance is Mine, il titolo dai muscoli d’acciaio

Al centro del gioco, gli scontri tra mech giganti la fanno da padrona, ma il giocatore ha dalla sua la tuta Hydra che può sprigionare una forza incredibile. Il nostro compagno d’avventura si chiama Gabriel Jaeger, tradito da alcuni viaggiatori del tempo con l’obiettivo di eliminarlo. Tuttavia, scampato al suo destino, è pronto a vendicarsi proprio indossando l’Hydra. Tra gli attentatori, c’è anche Charles Jaeger. Sono arrivati nel 1664 per una tecnologia necessaria a sfruttare una base militare sotto le strade di New Amsterdam, la quale prende il nome di Deacon.

Leggi anche -> Elden Ring non vi dirà mai dove andare e non sarà difficilissimo

Leggi anche -> Rinvio Battlefield 2042, aggiornamenti importanti per chi lo aspetta

Ma cosa sappiamo al momento di questo nuovo gioco? Prima di tutto, quella che si vede in video, è la tuta Hydra che dovrà indossare il nostro protagonista. Le sue caratteristiche principali sono resistenza inaudita, poter sparare proiettili dalla distanza per attaccare e la capacità di poter manipolare il tempo. Insomma, almeno per il momento, pare proprio che il team abbia voluto offrire più variabili di combattimento per donare più dinamismo possibile.