Videogiochi rinviati all’anno prossimo: gli arrivederci più dolorosi del 2022

Tanti videogiochi sono stati rinviati al 2023, ecco alcuni degli arrivederci più dolorosi che abbiamo dovuto vivere quest’anno.

Non è di certo stato un bell’anno il 2022 per quanto riguarda le uscite di videogiochi. Certo tanti titoli interessanti sono stati lanciati sul mercato e certamente abbiamo avuto delle eccellenze assolute e dei prodotti che hanno osato e ci hanno fatto abbattere delle barriere mentali. Ma poteva andare meglio, molto meglio. Perché non sono affatto pochi i titoli previsti per quest’anno che sono stati spostati, all’ultimo, e che ora usciranno soltanto nel 2023. Giusto per farci ancora un po’ male, vediamo i rinvii più dolorosi di quest’anno.

 

Videogiochi rinviati 2022
STALKER 2 tra i rinvii più dolorosi del 2022 (Videogiochi.com)

Atomic Heart. Lo sparatutto fantascientifico di Mundfish era previsto per fine 2022, e gli sviluppatori avevano anche confermato l’uscita quando tutti stavano iniziando a dubitare della finestra prevista dopo settimane di silenzio. Poi l’annuncio della partenrship con Focus Entertainment e il rinvio ufficiale all’anno prossimo, per permettere di uscire sul mercato con un titolo quanto più pulito possibile. Al momento si parla del 21 febbraio 2023 per il lancio su PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X|S e PC.

Tanti giochi rinviati, tanta tristezza nel 2022

S.T.A.L.K.E.R. 2. Rimaniamo nell’Europa dell’Est con un altro sparatutto dalla trama distopica. Purtroppo, oltre l’incubo di cui si vuole parlare nel gioco, gli sviluppatori di GSC Game World stanno vivendo un incubo sulla propria pelle, essendo lo studio situato in Ucraina. Il conflitto con la Russia, il reclutamento di membri fondamentali dello staff e l’incubo di una guerra a casa propria hanno rinviato il gioco a data da destinarsi. Speriamo che il 2023 possa portare notizie migliore, e magari anche questo atteso sequel.

Anche Zelda rinviato al 2023
The Legend of Zelda: Tears of the Kingdom tra i titoli attesi per il 2022, ma spostati al 2023 (Videogiochi.com)

The Legend of Zelda: Tears of the Kingdom. Semplicemente uno dei migliori giochi dell’ultimo decennio, Breath of the Wild ha spinto Nintendo Switch al massimo, facendo capire di cosa fosse capace la console portatile nipponica. Per questo motivo il seguito dell’ennesima avventura di Link era attesissimo e si prevedeva il lancio nel 2022, prima che venisse ufficialmente annunciata un’altra finestra di lancio. Ora bisognerà attendere l’estate del 2023.

Magia spaziale nel 2023

Hogwarts Legacy. Quelli legati al mondo di Harry Potter sono tra i fandom più popolati e irriducibili che esistono, ecco perché l’annuncio di un nuovo videogioco ambientato nella scuola di magia più famosa di sempre ha fatto scattare tutti gli allarmi. Purtroppo, però Avalanche Software e WB Games hanno con un incantesimo cambiato la data d’uscita: da fine 2022 a 10 febbraio 2023.

Starfield. Probabilmente il gioco più atteso del 2022, il jolly nelle mani di Xbox per mostrare di voler fare davvero sul serio e competere finalmente, dopo un decennio da dimenticare, con i first party di Playstation. Purtroppo, però, ancora una volta, Microsoft ha avuto problemi nel gestire i tempi di sviluppo. L’RPG di Beteshda non è decollato a l’11 novembre 2022, tutto spostato a metà 2023. Si spera.

Ricordiamo che Xbox sta pensando ad un nuovo Game Pass per gennaio 2023, e che ci sono delle importanti accuse mosse contro Nintendo da esperti del settore tech.