Wikidata festeggia la libera informazione: l’archivio collaborativo compie 10 anni

Splendido e importante traguardo per Wikidata: il database collaborativo e libero, alla base della informazioni che vengono cercate ogni giorno nei motori di ricerca, ha recentemente festeggiato il compleanno.

Wikidata, 7/11/2022 - Videogiochi.com
Wikidata, 7/11/2022 – Videogiochi.com

Nel dettaglio, come ricorda il sito dell’agenzia di stampa italiana Ansa, Wikidata era nato a fine ottobre 2012, di conseguenza pochi giorni fa ha festeggiato il suo decimo anno di esistenza, un traguardo davvero di prestigio. Wikidata, come facilmente intuibile, fa parte di un sistema più grande denominato Wikimedia, che a sua volta ingloba anche l’enciclopedia più famosa al mondo nonché uno dei siti più visualizzati di sempre che è Wikipedia. Il sito che spegne le sue prime dieci candeline è nato per raccogliere e organizzare grandi quantità di informazioni, e in questa decade è riuscito a superare la soglia dei 100 milioni di elementi, così come fatto sapere dalla stessa organizzazione, rappresentando un enorme archivio di dati centralizzati per tutti i progetti Wikimedia, tra l’altro disponibile a tutti per qualsiasi uso e in ben 300 lingue differenti. Wikidata rappresenta quindi una sorta di ossatura del web, visto che vengono dallo stesso sito molte delle informazioni per cui i motori di ricerca rispondono alle varie domande poste dagli utenti, inoltre, può essere consultato e arricchito da persone quanto da programmi automatici, così come da classifica filosofia di Wiki.

Wikidata, 7/11/2022 - Videogiochi.com
Wikidata, 7/11/2022 – Videogiochi.com

WIKIDATA, CHE BEL TRAGUARDO: SPEGNE LE 10 CANDELINE

Si tratta di un portale molto utilizzato in particolare dalle biblioteche italiane e internazionali, in quanto permette a studenti e studiosi un facile collegamento fra vari database, ricorda l’Ansa, e per questo motivo “il Gruppo Wikidata per Musei, Archivi e Biblioteche nato nel 2020 e patrocinato dal Dipartimento di Musicologia e beni culturali dell’Università di Pavia – sottolinea l’agenzia – ha deciso di partecipare ai festeggiamenti del decennale organizzando degli eventi relativi a Wikidata in più città”. Wikidata sta inoltre migliorando la documentazione del patrimonio culturale italiano, attraverso l’organizzazione di Wiki Loves Monuments, il concorso fotografico più grande del mondo, che si tiene anche in Italia ogni anno a settembre: “Probabilmente – spiega Luca Martinelli, amministratore di Wikidata e socio di Wikimedia Italia – sarà una sorpresa per molti, ma l’Italia non ha una lista nazionale di siti del patrimonio culturale ufficialmente sancita. Ci sono, ovviamente, varie liste di agenzie nazionali e regionali che tentano di mapparli, ma non esiste un database unico per tutti. Per questo, Wikimedia Italia ha scelto di utilizzare Wikidata per creare questa lista unica di monumenti. Il risultato di questo lavoro è un elenco di oltre 133 mila monumenti sparsi in tutto il paese”.