Ecco Moo Lander, il primo videogioco del genere mootroidvania

Esiste un limite alla creatività? Decisamente no se lo chiedete ai ragazzi del team di sviluppo bulgaro The Sixth Hammer che hanno appena diffuso il trailer di presentazione di Moo Lander, da loro stessi definito un mootroidvania.

Ma esattamente che cos’è un mootroidvania? A quanto pare un metroidvania che sa di latte vaccino. ispirandosi a una delle statistiche geopolitiche della Bulgaria, terra natale di buona parte del team di sviluppo, i ragazzi di The Sixth Hammer hanno deciso di mettere al centro del loro videogioco le vacche.

Ecco Moo Lander, il primo videogioco del genere mootroidvania
Ecco Moo Lander, il primo videogioco del genere mootroidvania (foto: The Sixth Hammer)

Sapevate per esempio che in Bulgaria ci sono 230mila mucche e 6,9 milioni di abitanti? E sapevate che questo significa che c’è una mucca ogni 30 persone? E che di conseguenza anche lo studio di sviluppo aveva la sua mucca? E a quanto pare è proprio per accontentare i desideri più reconditi del bovino assegnato dalla statistica al team di sviluppo che è nato Moo Lander.

Moo Lander, il metroidvania che caglia

Da un punto di vista puramente del genere, Moo Lander è un gioco platformer in 2D in cui avete il compito di esplorare un pianeta lontano lontano per riuscire a riportare a casa un antico macchinario in grado di produrre una quantità infinita di latte vaccino. Perché l’universo in cui bruca Moo Lander è un universo in cui il latte di vacca è una fonte di energia “con una potenza seconda solo all’esplosione di una stella morente”. E come nei migliori titoli fantascientifici ovviamente, la situazione riguardo la produzione di latte è critica.

Ecco Moo Lander, il primo videogioco del genere mootroidvania
Ecco Moo Lander, il primo videogioco del genere mootroidvania (foto: The Sixth Hammer)

I ragazzi bulgari di The Sixth Hammer promettono incontri con oltre 20 Vacche Possenti, ognuna “dotata di propria abilità e personalità“. Ciascuno di questi che in qualunque altro gioco potremmo definire boss, sono gestiti da una intelligenza artificiale propria che quindi rende i movimenti personalizzati e imprevedibili. Lo scopo dell’incontro con questi boss di fine bioma non è però quello di distruggerli ma di domarli per poi riportarli sul proprio pianeta. Sul sito aperto per ospitare gli aggiornamenti di Moo Lander c’è un post che spiega nel dettaglio, e addirittura mostra, lo schema delle reazioni create per le mucche.

E se pensate che un gioco a base di vacche interstellari sia divertente, immaginate di poterlo giocare in multiplayer locale. The Sixth Hammer sta infatti sviluppando diverse modalità multiplayer compreso un torneo di Galactic Mooball. Se volete saperne di più di questa stramberia dovete assolutamente guardarvi il documentario di accompagnamento sul profilo YouTube ufficiale del gioco. Il gioco è previsto in uscita il prossimo 27 maggio su PlayStation, Xbox e PC e successivamente su Nintendo Switch. per chi possiede una Xbox o un PC sono disponibili le demo.