Ruba 600mila euro e li spende su videogiochi d’azzardo: arrestata

Una donna ha rubato 600mila euro e poi li ha utilizzati in maniera impensabile. Li ha spesi per videogiochi d’azzardo

videogiochi
ruba 600 mila euro e li usa per videogiochi d’azzardo (fonte pixabay)

La storia che raccontiamo oggi ha veramente dell’incredibile. Stiamo parlando di una donna che lavorava in un ospedale veterinario, ricoprendo il ruolo di responsabile della contabilità, dove ha messo in atto il suo piano. Poi, dopo aver rubato una parte sostanziosa, l’ha sperperata tutta su dei videogiochi d’azzardo. Una vicenda incredibile, ma che è accaduta realmente.

Ha usato la sua posizione per aver accesso ai fondi della struttura e per rubare una cifra pari a 680.000$. Il tutto è accaduto nei confronti di Rachel Naomi Perri, originaria dell’Australia, più precisamente della Tasmania. Secondo quanto riportato della ABC, la donna si è anche dichiarata colpevole delle accuse rivolte. Queste fanno riferitomelo a ben 25 relative a frode informatica ed una per frode.

Dopo il furto, spende tutto sui videogiochi d’azzardo

videogiochi
ruba 600 mila euro e li usa per videogiochi d’azzardo (fonte pixabay)

Nello specifico, Rachel, dopo avere rubato quei 680.000$ ha deciso di spenderli in toto su un videogioco mobile d’azzardo. Su questo, però, non ha mai ricevuto soldi reali. Le 25 accuse che le sono stare imputate sono relative ad un quantitativo di transazioni fraudolente pari a 475 movimenti in totale. Il tutto è avvenuto mentre lavorava all’ospedale, nei 3 anni del suo mandato, dal 2016 al 2019.

Heart of Vegas, questo il videogioco d’azzardo sul quale Rachel ha fatto le transazioni con i soldi rubati. Il fatto particolare è che il gioco mobile non è altro che un simulatore di slot machine. Pertanto, nonostante giocasse e vincesse anche cifre astronomiche, non avrebbe mai potuto ritirare soldi reali in quanto si trattava di valuta virtuale. Perciò, il furto e le transazioni, alimentavano solo la sua dipendenza dal gioco d’azzardo.

Leggi anche -> Strano segreto di Skyrim viene alla luce dopo dieci anni dall’uscita

Leggi anche -> The Witcher 2, nuovo trailer terrificante – VIDEO

Difatti, nei termini della licenza di Heart of Vegas, si specifica che non si tratta di un gioco reale ma solo di un simulatore che utilizza valuta virtuale. Visto le condizioni di Rachel e l’intera vicenda, alla donna è stato diagnosticato un grave disturbo del gioco d’azzardo. Inoltre, la donna, “ha fraudolentemente preso una carta di credito da 30.000 dollari a nome di suo marito senza la sua conoscenza” come riportato dall’accusa. Rachel si è subito confessata colpevole, affermando che aspettava solo il momento in cui fossero venuti a prelevarla per le sue colpe. Il processo sarà definitivo tra un mese.